La campagna dell’associazione “Fede speranza e carità” in difesa delle famiglie bisognose

giovedì 10 settembre 17:25 - di Redazione

Parte la campagna sociale dell’Associazione Nazionale Fede, speranza e carità. Un messaggio forte ed importante  per chiedere un piccolo aiuto a sostegno delle famiglie in difficoltà. Dal 6 settembre va in onda lo spot della campagna sociale, trasmesso dalle reti Mediaset, grazie a Media Friends, per sensibilizzare ciascuno di noi ad aiutare chi ne ha bisogno.

Le donazioni intestate all’associazione si possono effettuare tramite il numero IBAN: IT05W0857511201000000183797, che ricorre anche nello spot. Dopo trenta anni di ‘ missione ‘ sul campo, la famiglia Crucitti diviene ora la fondatrice di questa associazione, nella quale sono coinvolti in primis tutti
loro. Mamma e papà di undici figli Antonello e Angela Crucitti hanno negli anni insegnato loro la forza della fede, della speranza e della carità. Oggi tutta la famiglia, ha come ispirazione di vita proprio i tre valori che danno nome all’associazione.

“Da trent’anni siamo al servizio del bene – dice nello spot il fondatore Antonello Crucitti – e la Provvidenza – prosegue – non ci ha mai lasciato soli nell’aiutare le famiglie meno fortunate. Per noi questa è la vita”.  Con Alma Manera, volto noto dello spettacolo, madrina dell’associazione, si sono riuniti molti professionisti
per la realizzazione del luminoso video, che trasmette l’autentico sentimento di felicità che fare del bene produce nelle persone. Incisive le parole dello spot: “La vita è un talento da spendere con generosità. Fare del bene è farsi
del bene”.

A firmarne la direzione artistica e’ Roberto Cenci,riuscendo con le sue scelte in pochi secondi a regalare al pubblico il bello del bene,per coinvolgere e motivare ciascuno di noi a farne. (Le donazioni intestate all’associazione si possono effettuare tramite il numero IBAN: IT05W0857511201000000183797, che ricorre anche nello spot).

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica