Salvini ironico sul duo Calenda-Renzi. E il leader di Azione passa agli insulti: «Beviti un mojito, bullo di cartapesta»

mercoledì 5 agosto 15:35 - di Aldo Garcon
Salvini

«Leggo di questi mega spostamenti tra Renzi e Calenda ma, probabilmente, se si mettono insieme hanno i voti che ci sono in quel bar là di fronte». Il leader della Lega Matteo Salvini, oggi a Genova è ironico sulle manovre in corso tra il leader di Azione e Renzi.

Calenda replica a Salvini

Calenda mastica amaro. E la sua replica velenosa arriva a stretto giro di posta su Twitter. «Ma almeno sapremmo gestirlo quel bar. Tu al massimo puoi berti un mojito al bancone, bullo di cartapesta». Parole che fanno scatenare il popolo del web. Scrive un utente imbufalito: «Quello che vi caratterizza e vi condannerà alla sconfitta è la vostra immancabile spocchia… liquidate Salvini come un buzzurro, di fatto qualificando così anche i milioni di italiani che da anni lo votano e che sono tutto fuorché stupidi». E un altro ironico: «E dai apritelo questo bar insieme, forza».

Il web insorge

E un altro ancora: «Siete più adatti per una boutique di moda, in zona particolarmente frequentata da turisti extra Ue…». E c’è chi scrive caustico: «E allora voi gestite i bar e lasciate perdere l’Italia visto che non siete all’altezza…». Un altro utente osserva: «Ecco un errore sia politico sia di comunicazione: dare risposte rancorose a Salvini. Ma vi insegnano il mestiere da qualche parte?». E un altro ancora: «Che debole risposta Calenda, passivo-aggressiva. Come diceva Trump di Jeb Bush “low energy”. “Low Energy Calenda”, suona bene, no?». Ci sono poi quelli che plaudono alle parole di Calenda. Un fan scrive: «È stato provato scientificamente che il numero di neuroni presenti in tutti i cervelli leghisti contemporaneamente non può superare le 49 unità. Ma che ti aspettavi da uno di loro, anzi dal peggiore»

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica