Reggio Emilia, immigrato gambiano crea il panico in un negozio: ruba e prende a pugni i clienti

martedì 4 agosto 8:26 - di Paolo Sturaro
immigrato gambiano

Momenti di forte tensione a Reggio Emilia. Un immigrato gambiano ricarica il proprio cellulare ed esce dal negozio Money Transfer Western Union. Ma prende uno smartphone dimenticato sul bancone del negozio da una donna. Quando lei se ne accorge, avvisa il titolare che decide di contattare il giovane. Dopo poco, lui ritorna, negando di aver commesso il furto. Poi, come un furia, colpisce i clienti prendendoli a pugni.

L’immigrato gambiano tenta di dirsi innocente

La derubata – una ventenne di Reggio Emilia – chiama i carabinieri. Quando i militari arrivano, non trovano i clienti picchiati perché si erano allontanati. L’immigrato gambiano continua a negare di essere l’autore del furto. Tuttavia i militari hanno modo di ricostruire con esattezza i fatti, comprese le violenze nei confronti degli altri clienti, grazie al sistema di videosorveglianza.

L’analisi dei filmati lo incastrano

A quel punto, i militari analizzano i filmati e accertano che l’immigrato gambiano – dopo aver fatto la ricarica del cellulare – si era impossessato dello smartphone dimenticato sul bancone allontanandosi dal negozio. Quindi i carabinieri hanno arrestato il giovane.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica