Piacenza, oltre ogni limite: poliziotti e carabinieri aggrediti dai giovani, le auto prese a bottigliate

sabato 22 agosto 8:39 - di Paolo Sturaro
Piacenza

Erano una quindicina, i ragazzi. Stranieri e italiani, alcuni minorenni. Hanno aggredito violentemente a Piacenza gli agenti della polizia locale e i carabinieri. Erano nei pressi del centro commerciale Farnesiana. Un carabiniere e un poliziotto hanno dovuto far ricorso alle cure del pronto soccorso per i traumi riportati. Tutto è partito da alcuni residenti che avevano chiamato le autorità per un assembramento di giovani.

Piacenza, l’aggressione alle forze dell’ordine

Alla richiesta di fornire i documenti, i ragazzi, forse sotto l’effetto di droga e alcol, hanno insultato e minacciato agenti e militari. Poi l’aggressione con spintoni. Gli agenti hanno caricato il giovane più violento su un’auto di servizio. E a quel punto gli amici hanno lanciato bottiglie di vetro contro i veicoli di polizia e carabinieri.

Gli agenti sono finiti al pronto soccorso

Il giovane fermato deve rispondere alle accuse di violenza, minacce, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. I due contusi durante l’aggressione, un agente e un carabiniere, hanno fatto ricorso alle cure del pronto soccorso.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica