Ago 01 2020

Girolamo Fragalà @ 09:40

Napoli, immigrato nudo sulla spiaggia di Posillipo davanti ai bambini. I bagnanti si infuriano

Atti osceni in luogo pubblico e resistenza a pubblico ufficiale. Con queste accuse i poliziotti hanno arrestato un immigrato a Posillipo, uno dei quartieri-bene di Napoli. Si tratta di un 25enne del Bangladesh.

Nudo sulla spiaggia di Posillipo

Tutto ha avuto inizio durante il servizio di controllo del territorio da parte degli dell’Ufficio prevenzione generale. Alcune persone prima hanno fatto dei segni per fermare gli agenti, poi si sono avvicinate agli uomini in divisa per segnalare la presenza di un uomo nudo. Si aggirava tra i bagnanti, anche davanti ai bambini.

La fuga in mare e poi in spiaggia

I bagnati avevano protestato, si erano infuriati e l’avevano invitato in ogni modo ad allontanarsi, ma lui non aveva voluto sentire ragioni. Entrati subito in azione, i poliziotti hanno individuato l’immigrato su una piattaforma adibita a solarium. Ma l’uomo, per evitare la cattura, ha spinto violentemente uno degli agenti per poi allontanarsi. Ha tentato la fuga in acqua, gettandosi a mare, e poi su una spiaggia. Lì è stato raggiunto e bloccato dalla pattuglia del Commissariato Posillipo.

[premium level=”1″ teaser=”yes” message=”Per continuare a leggere l’articolo”]

Scattate le manette per atti osceni

Il giovane è stato arrestato. Come detto, dovrà rispondere di atti osceni e anche di resistenza a pubblico ufficiale a causa della reazione violenta all’arrivo degli agenti e del tentativo di fuga.

Rapina in casa a Posillipo, domestica legata alla sedia

Violenta rapina in un appartamento di via Villanova a Posillipo. I malviventi hanno sequestrato la domestica georgiana, che in quel momento era sola in casa. I proprietari dell’appartamento, infatti, erano fuori città. La donna è stata legata alla sedia.

Gioielli per un valore di oltre 200mila euro

I malviventi hanno portato via gioielli per un valore di oltre duecentomila euro. Hanno poi preso la via della fuga facendo perdere le loro tracce. Al ritorno a casa i proprietari si sono subito preoccupati. La porta di ingresso non si apriva e la colf non rispondeva. Perciò hanno chiesto l’intervento della polizia. Gli agenti sono riusciti ad entrare in casa trovando la domestica legata ma non imbavagliata. Sul posto intervenuta la scientifica per i rilievi delle impronte. La colf è stata portata al Fatebenefratelli per le ferite riportate ai polsi con i fili elettrici.

[/premium]