La Pascale non ha più autisti e voli privati. Dagospia: Berlusconi irritato dalle foto del bacio con la Turci

giovedì 13 agosto 15:56 - di Redazione
Francesca Pascale

Secondo Vladimir Luxuria Francesca Pascale non è arrabbiata per le foto delle effusioni con la cantante Paola Turci. Una versione che non convince. Di certo quel reportage fotografico in questo momento non è stato di aiuto. Dagospia oggi in un lungo report rivela che la Pascale rischia grosso. Berlusconi non avrebbe intenzione di assecondare le sue pretese.

Tradotto, significa che i 20 milioni di liquidazione sono tutt’altro che sicuri: l’ex Cavaliere non ha firmato niente e il servizio di Oggi per di più lo avrebbe profondamente irritato. Anche per l’orientamento politico di Paola Turci che nel 2011 dedicava a Berlusconi la canzone “Te ne devi andare”. Altri tempi, tempi in cui per Francesca Pascale i comunisti erano la rovina dell’Italia. Scrive Dagospia: “Il contratto di buonuscita da 20 milioni (ma lei ne aveva richiesti 10 in più), più un assegno annuale di “mantenimento” da un altro milione di euro, non è ancora stato firmato da Silvio Berlusconi (che era intenzionato a liquidarla con 5 milioni)”.

E ancora: “Alla Pascale sono stati tolti gli autisti che aveva sempre a disposizione e la possibilità di viaggiare con gli aerei privati. Del resto, non è difficile in questo periodo vederla personalmente guidare la sua automobile tra Villa Maria (locata a Rogoredo di Casatenovo) e Milano o all’aeroporto intruppata col biglietto in mano a far la fila al checkin, come una qualunque mortale”.

Per capire l’aria che tira basta vedere le foto di Berlusconi con al fianco Marta Fascina. La relazione di Berlusconi con Marta Fascina (classe 1990) viene praticamente ufficializzata da alcune foto del settimanale Chi, che ritraggono i due mano nella mano nella villa in Sardegna dell’ex premier.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica