Immigrati infetti, Cuperlo fa una figuraccia. La Santanché smonta la sua spocchia (video)

venerdì 14 agosto 12:57 - di Gabriele Alberti
Santanché

Oltre ad irridere l’avversario la sinistra non sa fare. Una prova l’ha fornita Gianni Cuperlo in un botta e risposta acido e sconcertante con la parlamentare di Fratelli d’Italia Daniela Santanché.  Chde, lo diciamo subito, lo ha messo in riga dati alla mano. Con la smania di difendere i migranti e colpevolizzare i giovani italiani sull’accrescersi dei contagi da Covid, Cuperlo arriva a negare l’evidenza. Scintille in studio a In Onda, da Telese e Parenzo. L’esponente dem con la sua aria da professore con la verità in tasca non ha saputo fare nemmeno i conti sui dati dei contagi esibiti dalla Santanché.  Il “demonio” secondo la narrazione ufficiale della sinistra e del governo ora sono le discoteche. La parlamentare di FdI ha opposto l’argomentazione che le discoteche all’aperto e ben organizzate non sono il “vulnus” di questa nuova ondata pandemica. Almeno non sono il solo motivo di questa recrudescenza di contagi. L’immigrazione incontrollata di questo ultimo mese è stato deleterio.

Cuperlo impreparato sui migranti e i contagi si arrampica sugli specchi

Risposta di Cuperlo, che non sa di fare una figuraccia.  “Non ho nulla contro le discoteche – spiega il dem – il punto è garantire massima cautela e rispetto della sicurezza nell’interesse delle persone che ci stanno più a cuore. Quanto all’immigrazione, non è da lì che arrivano i problemi”. Stop. Fermi tutti. Affermasrlo dà prova quantomeno di impreparazione sul tema. La Santanchè prontissima e documentata lo ferma: “Il 25%, uno su 4 dei contagi. Lo ha detto il ministro Boccia“. Insomma, Gianni Cuperlo snobba persino i dati che uno del suo partito, il ministro dei rapporti con le regioni, fornisce.

Lo scontro Santanché Cuperlo e il teatrino immigrazionista

Cuperlo, visibilmente spiazzato, replica con la prosopopea di sempre, negando e attaccando attaccando: “Non è vero, non urli, se vuole ci confrontiamo sui numeri.  Se il tema è evitare che ci siano persone che girano per il paese senza controllo, sono circa 200mila che andavano regolarizzate in ragione dell’emergenza sanitaria. E il suo partito lo ha impedito”. Quindi il classico sfottò all’esponente di Fratelli d’Italia, che fa parte del repertorio classico di chi non sa entrare  nel merito dei discorso : “Le auguro di trascorrere delle felicissime serate nella sua discoteca”. Buttarla in caciara è l’unica arma che resta a chi non ha argomenti. I dati parlano chiaro e  ci dicono che i migranti infetti a zonzo per l’italia hanno causato un’impennata di contagi. E la Santanché stava per questo spezzando una lancia in favore di quelle discoteche all’aperto che ora sono diventate il paravento di un governo immigrazionista.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica