Di Maio si sente il più bello del reame: ora ha anche un fotografo personale da 35mila euro

mercoledì 12 agosto 14:02 - di Redazione
Di Maio

Quando si dice la vanità. Luigi Di Maio ha un ritrattista personale. Siamo al culto della personalità. Ci mancava solo questo particolare ridicolo a completare il  “massacro” sui social del ministro degli Esteri. Non si è ancora sopita la polemica sulla foto assieme al compagno di merende Andrea Scanzi e tutta un’allegra brigata senza mascherine né distanziamento. Ed ecco arrivare una notizia che  dimostra che con gli scatti ha un feeling particolare.  Si apprende che Di Maio,  come una star,  si sia dotato di un fotografo personale.Lo apprendiamo dal Giornale, che fa rilevare come a Farnesina abbia già un rapporto con l’agenzia Ansa. Evidentemente a Di Maio in versione Divo non bastava. Per il ministro grillino si è reso necessario  “assumere un fotografo professionale che desse disponibilità completa in occasione degli eventi istituzionali”. Lo spiega lo stesso staff del ministro degli Esteri  a “Panorama“.

Di Maio il vanitoso

Ci voleva qualcosa di diverso ed esteticamente più accattivante. Per questo è ricorso a un professionista “ad Hoc”. Il ritrattista ufficiale si chiama  Roberto Dia, siciliano, originario di Alcamo (Trapani). E’ molto attivo su  Instagram e si  occupa prevalentemente di matrimoni. Dunque, un professionista abituato a pose artistiche  Su la Verità apprendiamo altri dettagli. Dal 4 maggio è iniziata la collaborazione con Di Maio, con un compenso che si aggira intorno ai 35mila euro lordi l’anno. Dia aveva già avuto rapporti col mondo cinquestelle, avendo nel  2016 seguito la campagna elettore di Domenico Surdi, eletto poi sindaco di Alcamo col M5S. Sono ricorsi a suoi scatti anche i neo-ministri grillini Toninelli, Bonisoli, Grillo, Fraccaro e Costa. Chissà che ne pensa la base grillina di questa deriva personalistica che ha preso il loro ex capo politico ?

C’è di più, la vanità è contagiosa. Se Roberto Dia si occupa  per di Di Maio di “elaborazione digitale delle immagini e web designing”., anche il fratello del fotografo, Giuseppe Dia è impegnato nella ritrattistica della “corte” governativa. Ricopre infatti il ruolo di consulente per l’ufficio stampa del premier Conte e per Rocco Casalino, suo portavoce. Per tale attività il fotografo percepisce da 40mila euro. Insomma Di Maio-Conte-Casalino non badano a spese per la loro immagine. Settantacinque mila euro per il culto dell’immagine non è poco. Qualcuno avrebbe potuto proporre per la stessa cifra un insegnante di storia e geografia che gli consentissero di dire meno stupidate, visto il ruolo che occupa. A parti invertite, qualsiasi leader del centrodestra sarebbe stato massacrato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica