Chiude il Billionaire, Briatore al sindaco: «Sei un altro grillino che non ha fatto un ca***nella vita»

mercoledì 19 agosto 15:29 - di Adriana De Conto
Briatore

Briatore alza bandiera bianca. L’ordinanza del governo di chiudere tutte le discoteche si è abbattuto sul  suo Billionaire in Costa Smeralda. Lui è una furia. Infatti il nuovo decreto ha di fatto inasprito il ruolo delle Regioni e dei singoli comuni che in precedenza potevano derogare in base ai singoli casi.  Flavio Briatore pertanto  si è scagliato contro il sindaco di Arzachena, il grillino Roberto Ragnedda. Il locale aveva riaperto solo un mese e mezzo.

Dopo la stretta del governo aveva annunciato che non avrebbe chiuso il Billionaire. Ma poi ha fatto marcia indietro dopo l’ordinanza del sindaco di Arzachena che di fatto glielo ha imposto.  Ci aveva provato, Briatore, “ma il sindaco di Arzachena, l’unico in Italia, ha reso più restrittivo il decreto Conte”. L’imprenditore lo denuncia in un video su Facebook girato dalla sua abitazione di Montecarlo. “Non capisco, ha cancellato completamente la musica. Che poi in Sardegna, la situazione in Costa Smeralda, non mostra criticità rispetto a quella regionale”. E’ fuori di sé.

Briatore: “Che c’entrano i decibel col Covid?”

Si è sempre speso con parole di fuoco contro le incongruenze e le decisioni del governo Conte. Che non ha saputo o voluto salvaguardare le imprese italiane. Soprattutto certi settori. Gli allarmismi veicolano messaggi errati.  Spiega l’imprenditore:: “Il tenore dell’ordinanza farebbe pensare a una situazione drammatica, piena di focolai. Ma io non so come il sindaco possa collegare i decibel col virus. La sospensione totale della musica in certe fasce orarie che effetto ha sul virus? La gente è indotta a pensare che la situazione sia grave in Costa Smeralda”.

“Ci sono dipendenti che hanno preso case, abbiamo pagato serate, abbiamo portato calciatori… cosa è una vendetta? Non capisco cosa sia. Chiedo scusa ai nostri dipendenti per essere amministrati da sindaci così… non si fa il sindaco così. Piange il cuore vedereun’economia trucidata così da gente che non ha mai fatto un cazzo nella vita”, ha concluso Briatore.

Il sindaco di Arzachena lo insulta: “Credevo fossi Crozza…”

 Flavio Briatore è incontenibile: “Stupisce un sindaco che emana un’ordinanza che mette in ginocchio il turismo in Costa Smeralda, senza confrontarsi con le parti sociali. Abbiamo trovato un altro grillino contro il turismo”. Le prenotazioni dei clienti davano il tutto esaurito, in base ai protocolli di sicurezza, fino al 23 di agosto. Pertanto il danno ai dipendenti e a tutti quelli che lavorano per il locale è ingente. Soprattutto pensando che quest’anno i maggiori flussi turistici si sono registati in località italiane la Costa smeralda era ritornata ai fasti di qualche anno fa. Il sindaco di Arzachena ha risposto con un post sgradevole su Facebook: “Quando mi hanno fatto vedere il video pensavo fosse una parodia di Crozza, ma poi ho capito che era l’originale e ho dovuto replicare”.Una replica che non c’entra molto con il problema dei lavoratori. Infatti il sindaco ha riesumato un ricordo di tanti anni fa quando scaricava  le bibite al Billionaire: “Non ho dimenticato come venivo trattato dai suoi direttori, ma è acqua passata e oggi faccio il sindaco”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica