Bari, immigrato somalo palpeggia il seno a una donna incinta nel sottopassaggio della Stazione

domenica 23 agosto 11:42 - di Fabio Marinangeli
Bari

Ennesimo episodio di violenza. Stavolta a Bari. In tarda serata i poliziotti del Reparto Operativo Polizia Ferroviaria hanno arrestato un immigrato somalo. Lo accusano di essere il responsabile di una violenza sessuale ai danni di una turista di nazionalità tedesca. La donna è peraltro il stato di gravidanza. Il tutto ha avuto luogo in uno dei sottopassi della stazione di Bari Centrale.

Bari, la donna era con il marito nel sottopassaggio

L’uomo ha incrociato la donna mentre transitava nel sottopassaggio in compagnia del marito. Con un movimento improvviso le ha palpeggiato ripetutamente il seno. Gli agenti della pattuglia Polfer – in servizio di controllo del territorio in stazione Centrale – sono stati immediatamente allertati dall’operatore.

La violenza vista nelle immagini delle telecamere

In sala operativa aveva infatti assistito all’episodio direttamente dalle telecamere di videosorveglianza. Nel contempo – come riporta la Gazzetta del Mezzogiorno – il personale della Security Service provvedeva a bloccare l’aggressore qualche istante dopo la consumazione del reato.

L’immigrato aveva precedenti per reati sessuali

I poliziotti nella fase dell’arresto hanno identificato il responsabile. Si tratta – come detto – di un immigrato somalo 29enne senza fissa dimora. Risulta regolare sul territorio nazionale. A suo carico precedenti di polizia specifici della sfera dei reati sessuali.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica