Zingaretti allarmato per la bomba migranti. E accusa il governo di non saper gestire nulla

mercoledì 29 Luglio 15:46 - di Riccardo Arbusti

Il “governo nella sua interezza agisca con una politica adeguata” sulla complessa questione dei migranti. Una frustata da parte di Nicola Zingaretti alla compagine di Palazzo Chigi. Con un linguaggio morbido ma il cui senso si capisce benissimo. Il segretario del Pd sa molto bene che l’immobilismo del governo sulla questione degli sbarchi porta consenso alle opposizioni, ed è preoccupatissimo. Troppo tardi però, perché proprio il Pd invoca da mesi una revisione dei decreti sicurezza. E non è possibile fare due parti in commedia. E dire, come fa Zingaretti, che “sicurezza e solidarietà devono andare di pari passo”. Uno slogan vuoto, un insulto all’intelligenza in tempi di emergenza sanitaria. Emergenza che esiste solo, per quelli del Pd, quando bisogna votare i pieni poteri al governo ma che evapora quando a sbarcare sono centinaia di clandestini in un solo giorno.

Del resto Zingaretti deve fronteggiare anche le critiche che arrivano dall’interno. Pochi giorni fa l’ex responsabile del Viminale Marco Minniti ha detto chiaro e tondo che i migranti portano il Covid e che sul tema la sinistra deve sfidare i nazional-populisti. Il che significa che non può lasciare in mano loro un tema così caldo da cavalcare. Ma c’è anche chi spinge invece sulla linea di quella che Giorgia Meloni ha definito “furia immigrazionista”. Lo fa Matteo Orfini chiedendo a gran voce di accogliere tutti quelli che fuggono dalla Libia: «Si continua a far finta che la situazione in Libia sia accettabile  ma quei campi illegali di detenzione sono dei veri e propri lager. Non salvare quelle persone in mare significa rispedirle consapevolmente in luoghi di tortura».

Mentre cresce l’allarme soprattutto nel Sud del Paese per gli sbarchi che continuano senza sosta, il M5S si smarca dalla linea permissiva del Pd e anche dall’attendismo della Lamorgese con Luigi Di Maio che invoca a gran voce il rispetto delle regole da parte dei migranti in quarantena.

Zingaretti fa sentire allora la sua voce per tentare di fronteggiare il pasticcio. Occorre “un impegno straordinario su più fronti”, continua il segretario dem, elencando una serie di punti su cui intervenire con urgenza come “nel campo dell’accoglienza, del collocamento in Europa e in Italia dei flussi, di presenza politica e chiarezza nei confronti dei Paesi di partenza, a cominciare dalla difesa dei diritti umani, dalla ricostruzione della rete di accoglienza in Italia. Solidarietà e sicurezza sono valori che possono e debbono andare di pari passo”. Ma sono solo parole, mentre i sindaci in prima linea puntano l’indice sul Viminale e sul governo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Fernando 5 Ottobre 2020

    La sicurezza sullemigrazione si può controllare chiudendo i porti.

  • Giuseppe Costantini 2 Ottobre 2020

    Mi scusi, on. Zingaretti, ma solo adesso si sta allarmando per una situazione che è diventata ingestibile?
    Prima non le è sfuggito che l’Italia era diventata il rifugio dei desaparecidos quando tutti gli altri paesi se ne sono altamente buggerati, per non utilizzare un altro termine più pesante.
    Ma, quando avvengono certi fatti, lei dove vive?
    Per favore, cerchi di essere più realista del re.

  • Giuseppe Costantini 3 Settembre 2020

    Ma il sig. Zingaretti mi dice come tutela la popolazione italiana?
    È troppo facile dire aiutiamo gli immigrati ma dei cittadini italiani che cosa ne facciamo?
    Purtroppo a questo interrogativo i signori del governo non sanno dare risposte concrete e adeguate alla situazione.
    E la barca va!

  • Carla 2 Settembre 2020

    Zingaretti pensaci tu?? Questi sono incapaci!!

  • vada michele 1 Agosto 2020

    Deve essere dura tenere il piede in due scarpe per Zingaretti ma come fa a richiamare all’ordine i suoi che sono quelli che fanno queste cose.Caro Di Maio è inutile gridare al lupo al lupo quando è scappato

    • Fernando 5 Ottobre 2020

      Bisogna riconoscere a Zingaretti la sua decisione.

    Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica