Milano, immigrato aggredisce selvaggiamente un poliziotto e lo manda all’ospedale

lunedì 20 luglio 9:21 - di Gianluca Corrente
Milano

Una città nelle mani degli immigrati violenti. A Milano l’ennesima vicenda ha avuto luogo nel parco Segantini, nella zona dei Navigli. Un 32enne del Gambia era seduto su una panchina. Gli agenti gli hanno chiesto i documenti, per un normale controllo. Quando ha visto i poliziotti, però, l’immigrato ha cominciato a perdere la calma e ha tentato di fuggire.

L’aggressione nel parco di Milano

Un agente l’ha raggiunto per fermarlo. Ma l’immigrato l’ha aggredito con forza, colpendolo con calci e pugni sia al volto sia alle gambe. Una scena di cruda violenza. Gli altri poliziotti sono intervenuti e – vista la situazione di grave rischio – hanno deciso di azionare il taser.

Dopo il taser, lo spray al peperoncino

Neppure questo ha indotto l’immigrato alla resa. Infatti, ha continuato a opporsi fino a quando gli agenti l’hanno bloccato con lo spray al peperoncino in dotazione alle Volanti. Ora deve rispondere alle accuse di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Gli agenti l’hanno condotto in carcere. Il poliziotto ferito, invece, ha dovuto far ricorso alle cure in ospedale dove i medici gli hanno diagnosticato un trauma al ginocchio destro.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica