Le Sardine processate e ridicolizzate in tv: “Siete i ragazzini di Conte, i suoi boy scout”

sabato 18 luglio 12:40 - di Robert Perdicchi

“Sembrate le giovanili del partito di Conte…”, “Boy scout…”. Risatine, ilarità, sfottò velati alle Sardine collegate in diretta sulla Sette, nel programma “In Onda” di Luca Telese e David Parenzo.

Neanche questa volta le tanto decantate creature ittiche della politica italiane sono riuscite a esprimere un’idea, un’indicazione di voto, un programma da sostenere. Le Sardine di Mattia Santori, ieri sera, in tv, hanno collezionato l’ennesima figuraccia, al punto che viene da chiedersi se, nel loro interesse, non sia utile cambiare i loro portavoce o limitarsi a restare in piazza a fare politica, o magari sui social, anche se pure lì…

Le Sardine non sanno chi votare…

“Chi ci conosce sa che non diamo indicazioni di voto, e non abbiamo cambiato idea. Io credo che Sansa abbia un solo svantaggio che non è dipeso da lui, e cioè che questo accordo si è fatto troppo tardi. Credo che in Liguria si siano bruciati più nomi che in tutta la storia politica italiana”. Così, ospite negli studi di ‘In Onda’ su La7, il leader delle Sardine Mattia Santori risponde su un eventuale endorsement per le prossime elezioni Regionali. Nesuna indicazione, dunque.

Ma le Sardine aiuteranno o ostacoleranno il candidato specchio della coalizione di governo? “Ma è la politica – replica Santori  – che deve restituire quello che noi portiamo alla politica. Noi portiamo in 2000 km persone, comunità, storie, identità, perché partiamo da casa Matteotti e arriviamo a casa Pertini, e sarà Sansa e tutti i candidati progressisti che dovranno convincerci che effettivamente le nostre speranze dal basso coincidono con una proposta di governo”.

Gli sfottò politici ai giovani bolognesi

E’ toccato al vicedirettore dell’Huffnghton PostAlessandro De Angelis, pungere Mattia Santori impietosamente. “Finora non avete mai espresso una vera posizione politica sui temi più scottanti, a partire dall’immigrazione, sembrate le giovanili del partito di Conte”, “Sì, dei boy scout”, gli fanno eco in studio. Si ride, in studio, mentre Santori si aggiusta il frontino. E resta quasi in silenzio, imbarazzato. Vieni avanti frontino, verrebbe da dire…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica