Fisco, Ruffini: «Basta scadenze di pagamento. Prelievi mese per mese anche per le partite Iva»

martedì 7 luglio 19:02 - di Redazione
Ruffini

Taglio dell’Iva o dell’Irpef? «Non è un derby di fronte al quale dobbiamo scegliere da che parte stare», risponde da Repubblica Ernesto Maria Ruffini, direttore dell’Agenzia delle Entrate. «Non ci sono – aggiunge – due curve che tifano». Ruffini cita l’ex-ministro Beniamino Andreatta e sostiene che quella dl fisco «è la madre di tutte le riforme». La domanda resta: Irpef o Iva? ll primo, ammette il direttore, è «più sentito» perché «va diretto nelle tasche di tutti noi, delle imprese, delle famiglie». Ma, avverte, occorre una «visione d’insieme». E ricorrendo alla metafora calcistica sottolinea: «Non guardiamo solo al rigore, ma a tutta la partita. Non esiste un Var per la politica, ma la storia».

Ruffini: «Tagliare le tasse alle imprese»

Il tema è assai dibattuto. Come del resto quello delle troppe leggi che imbrigliano le decisioni. Occorre «disboscare», suggerisce Ruffini, e poi raccoglierle «in testi unici». È solo il primo passo per consentire alla «locomotiva» di ripartire. La locomotiva sono le imprese. «II taglio – spiega il tecnico – deve andare a loro beneficio perché creano lavoro, il lavoro produrrà redditi e i redditi alimenteranno il consumo e i servizi». Facile a dirsi, ma in concreto? Le ricette sono molteplici, a cominciare dalla riduzione del «cuneo fiscale» sul lavoro. Ma per Ruffini la vera novità pò arrivare dalle microimprese, cioè la grande maggioranza delle partite Iva. A queste Ruffini estenderebbe il sistema di «tassazione per cassa» consentendo «l’immediata deducibilità degli investimenti», invece di diluirla nel tempo con gli ammortamenti. «Questa sorta di cash flow tax – spiega – potrebbe essere un buon strumento per far ripartire gli investimenti e quindi la produzione».

«Il fisco di massa ha bisogno di automatismi»

Per Ruffini «iI “fisco di massa” ha bisogno di automatismi» e pur tuttavia «controllabile». Una volta rodato, il meccanismo va esteso a 4,4 milioni di partite Iva tra persone fisiche e società di persone su un totale di 5,7 milioni. «Automatismo – spiega Ruffini – significa anche ridurre la giungla delle scadenze durante l’anno». Così il calendario diventa il secondo modulo della riforma fiscale. Scadenze e rinvii sono un vero labirinto. Ma per il capo delle Entrate un modo per uscirne c’è. A cominciare dalla fatturazione elettronica. Già ora, ricorda Ruffini, «ci fornisce gran parte dei dati necessari per la dichiarazione Iva: potrebbe essere precompilata». Così anche «gli scontrini». Il secondo punto riguarda la già accennata «tassazione per cassa, la cash flow tax». Insomma, il fisco potrebbe rinunciare al sistema di acconti e saldi annuali per consentire anche agli autonomi di pagare le tasse «mese per mese». Magari prelevando l’importo direttamente dal conto corrente del contribuente.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica