Di Maio si accorge che i migranti non rispettano le regole. La soluzione? Un post su Facebook…

lunedì 27 luglio 19:05 - di Redazione

Luigi Di Maio s’è svegliato: ha capito che i migranti positivi che scappano in barba ai controlli sono un pericolo per la salute pubblica. Ci è voluto un mese ma alla fine ci è arrivato anche lui.

E così, visto che è ministro degli Esteri, uno pensa che abbia elaborato qualche contromisura o che abbia chiesto al governo di cui fa parte di fermare gli sbarchi, come chiedono le opposizioni a gran voce. Ma no. Di Maio ha scritto un post. Un post su Facebook.

“Quanto accaduto a Caltanissetta – dice Di Maio – non è una sciocchezza, anzi. In queste ore peraltro si aggiunge un’altra notizia di una fuga in massa di migranti anche dalla tensostruttura della Protezione civile allestita a Porto Empedocle. Non si tratta di battaglie ideologiche o politiche. Il tema è più semplice e riguarda la nostra sicurezza, la sicurezza di ognuno di noi”.

“L’Italia – continua Di Maio – ha vissuto uno dei momenti più bui della sua storia con la pandemia, abbiamo visto morire i nostri cari, i nostri medici, donne, uomini e anche bambini. Abbiamo dovuto seguire regole ferree, ci siamo chiusi in casa, alcuni sono stati separati dalle proprie famiglie per settimane e settimane. Tutti, in un modo o nell’altro, ci siamo sacrificati. Ed è inconcepibile che oggi qualcuno, incurante delle regole tutt’ora in vigore, pensi di andarsene in giro senza rispettare l’obbligo della quarantena. Migranti o meno, fossero stati italiani avrei detto la stessa cosa. Qui è una questione di salute pubblica”, sottolinea il titolare della Farnesina.

E quindi? Quindi niente. Di Maio sembra un qualsiasi utente social, che prende atto di cose ovvie. “Il virus non è scomparso. I cittadini italiani, come il sottoscritto naturalmente, devono continuare a rispettare le regole che ci siamo dati e vale lo stesso per i turisti o per chi ha diritto alla protezione internazionale. Lo Stato ha il dovere di occuparsi di questo genere di problemi”.

Una soluzione? Una proposta? Una linea di indirizzo alla maggioranza? Ma neanche per sogno. Ecco come conclude Di Maio: “Esprimo tutta la mia vicinanza e solidarietà ai sindaci Roberto Gambino e Ida Carmina e alle comunità di Caltanissetta e di Porto Empedocle in questo momento difficile. Ringrazio anche la ministra Lamorgese per il lavoro che sta portando avanti e le forze dell’ordine per aver lavorato tutta la notte e aver già rintracciato 125 dei 184 migranti che si erano allontanati domenica dal Cara di Pian del Lago. Il mio sostegno, infine, a coloro che in queste ore si stanno adoperando per contenere la nuova fuga”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica