Tennis, positivo al covid anche Djokovic, numero uno al mondo. Bufera sul torneo Adria Tour

martedì 23 giugno 16:26 - di Elsa Corsini

Novak Djokovic è risultato positivo al test per il Covid-19. È stato il numero uno al mondo del tennis ad annunciarlo. Sia il campione che sua moglie sono infetti. Mentre i bambini sono negativi. Un annuncio che segue quello fatto lunedì dal suo connazionale Viktor Troicki. Che aveva fatto sapere che sia lui che la moglie incinta erano stati contagiati.

Il campione di tennis Djokovic positivo al Covid

Con lui anche il bulgaro Grigor Dimitrov e  il croato Borna Coric. Insieme agli allenatori di Djokovic e Dimitrov, l’italiano Marko Paniki e il tedesco Christian Groh. Erano tutti all’Adria Tour, che si è rivelato un vero focolaio della pandemia. Il torneo di beneficenza (ora sospeso) che proprio Djokovic aveva organizzato in Serbia era già stato sommerso di polemiche. Per le modalità disinvolte che lo hanno accompagnato. Poco compatibili con una esibizione sportiva. A far discutere anche le immagini che immortalavano Djokovic a torso nudo festeggiare con altri tennisti in una discoteca serba. Nel filmato, diventato virale, si vedono il campione, assieme a Dominic Thiem, Alexander Zverev e Grigor Dimitrov  scatenarsi nel locale “Lafayette Cuisine Cabaret Club” di Belgrado. Balli e cori notturni senza rispettare nessuna norma anti-covid. Né mascherine né distanziamento sociale. Le immagini hanno scatenato le reazioni indignate di molti fan di Djokovic. Difficile mantenere le distanze appropriate in discoteca. Anche perché in Serbia non sono in vigore particolari norme anti contagio da coronavirus.  «Abbiamo rispettato tutte le misure richieste dai governi di Serbia e Croazia», si difende Djordje Djokovic, direttore dell’Adria Tour e fratello di Novak. Ma per colpa di molte leggerezze ora il tennis rischia di fermarsi di nuovo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica