Sbalzata dall’asfalto sconnesso di Roma: primi indagati per la morte di Elena Aubry

martedì 23 giugno 12:53 - di Marta Lima

Ci sono i primi indagati per la morte di Elena Aubry, annuncia la mamma su Fb. “Che quella strada sia la causa della sua morte, mi pare sia fuori da ogni dubbio. Altre due persone cadute li a 15 giorni di distanza dal suo incidente, tanto da ascoltarmi a chiudere quella strada (lo è stato fatto dopo un anno, almeno per le due ruote). Ma non è bastato: una decina di giorni fa un altro scontro di auto, esattamente davanti all’albero di Elena, sempre ‘per quelle maledette radici'”. Così in un post su Facebook Graziella Viviano, la mamma di Elena Aubry, la 25enne morta su via Ostiense a maggio 2018 mentre era in sella alla sua moto, dopo la notizia dell’iscrizione di tre persone nel registro degli indagati. Sotto accusa ci sarebbero tecnici e funzionari pubblici in relazione alla manutenzione della strada.

“Nessun odio, ma voglio giustizia”

“Io non provo odio ‘personale’ verso nessuno. Ma un processo, la Giustizia, non può che stabilire dei principi che devono essere oggettivi. E il principio in questa vicenda è “La strada non deve uccidere”, né Elena, né nessun altro, mai più, ora e sempre. Che la morte di Elena almeno – scrive ancora la madre di Elena – serva a determinare questo: la strada è un elemento del nostro vivere quotidiano, indispensabile per ‘la struttura’ del vivere”.
Sono una donna di principi, ferrei, dai quali non derogo, ma l’odio, ‘accanimento, il giustizialismo ‘ad personam’, proprio non mi appartiene. Un processo stabilisce ‘principi’ di giustizia ed è ‘giusto’ che questi vengano stabiliti e ‘definiti’ una volta per tutte e spero che il processo di Elena su questo aspetto ‘faccia giurisprudenza'”, conclude la donna.

La foto e le ceneri di Elena Aubry sottratte

Nei giorni scorsi era stato identificato l’uomo che aveva sottratto i resti e le foto di Elena Aubry dal cimitero del Verano. Si tratta di un 49enne, che già negli anni scorsi si era reso responsabile di una macabra collezione di reperti di giovane ragazze morte all’interno del cimitero del Verano.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica