Rocco Casalino querela tutti: “Basta con le falsità sul mio conto”

mercoledì 10 giugno 12:30 - di Marta Lima

La goccia che ha fatto traboccare il Casalino è stata, probabilmente, quella smentita di Palazzo Chigi arrivata ieri ai giornali e alle agenzie su una “fuga di notizie”, con tanto di virgolettato attribuito a Conte. Nella quale al premier veniva attribuita una frase pesantissima. “Pezzi dello Stato lavorano contro il mio governo”. Era arrivata la smentita e Dagospia, noto sito di gossip politico ed economico, aveva commentato: “”Questa nota inviata da Rocco Casalino alla stampa ci fa capire che da Palazzo Chigi è partita una velina di cui poi si sono pentiti”.

Rocco Casalino, a quel punto, non ci ha visto più. Ha preso carta e penna e ha scritto una “diffida” al sito diretto da Roberto D’Agostino. Con minacce di querele a tutti i media. “Per correttezza ti informo che sto raccogliendo tutto il materiale diffamatorio nei miei confronti pubblicato su varie testate giornalistiche. C’è un limite agli attacchi quotidiani basati solo su falsità e questo limite è stato ampiamente superato. Per questo intendo esercitare il mio diritto di tutelarmi nelle sedi opportune contro un accanimento mai visto prima”.

Dagospia, dal canto suo, non si è scomposta: “Siamo qui che tremiamo…”. Cosa farà adesso il portavoce di Conte, finito nel mirino dei media soprattutto per il suo presenzialismo, mai così marcato in un semplice ufficio stampa…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giuseppe dal prà 12 giugno 2020

    Non sono un simpatizzante di Casalino, però in effetti c’è un limite a tutto e Dagospia è davvero un ficcanaso che crea solo scompigli, con quell’antipatico di D’Agostino che si crede la persona più intelligente del mondo, poi, però, per fare soldi, si è piegato al più ignobile gossip di cui abbiamo già degne rappresentanti in tv!!

  • ciao 10 giugno 2020

    sembri pupetta.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica