Angelilli posta un video da Piazza Navona per documentare il deserto nel centro storico di Roma

giovedì 25 giugno 16:35 - di Redazione

“Spettacolo surreale! Gli esercizi commerciali che operano nel centro storico della Capitale sono in ginocchio. Mentre chi governa passa le giornate barricato nei palazzi a fare annunci, in Italia milioni di imprese legate al turismo rischiano di chiudere”. Così Roberta Angelilli commenta il video postato sulla sua pagina Fb che mostra il deserto a piazza Navona, nel cuore di Roma.

“In tutto il centro storico la situazione è drammatica – continua Angelilli – mancheranno all’appello oltre 30 milioni di turisti, gli imprenditori sono lasciati soli e allo sbando. Che stanno facendo Comune, Regione e governo?”.

A Roma, nella Fase 2, sono ripartite in media due aziende su tre. Una percentuale, invece, che non raggiunge il 60% tra il Tridente e le zone limitrofe. A dare questo quadro è un report del Comune, riportato da ‘’Il Messaggero’’, a fine maggio, che ha incrociato il numero delle imprese esistenti nella Fase preCovid (parliamo di negozi, botteghe artigiane, fabbriche, ditte di servizi), quelle i cui codici Ateco sono state sbloccate dagli ultimi Dpcm e quelle che davvero sono ripartite.

E, usando un’immagine del presidente della Camera di Commercio, Lorenzo Tagliavanti, il risultato è che «a Roma la periferia si è spostata nel Centro» (o viceversa ndr). Di fatto nella Capitale, su 285mila imprese prese in considerazione, sono attive oltre 210mila. Cioè due terzi del totale. Nella fase 1, erano soltanto una su quattro.

Nel I Municipio il livello di attività del commercio è del 53,4%, 6mila realtà riaperte contro le quasi 11.500.

https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=3159005130853335&id=100002316379686

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica