Paolo Mieli: «Un mare di melma sommerge la magistratura. E Bonafede chiarisca su Di Matteo»

sabato 6 Giugno 11:34 - di Sveva Ferri
bonafede

L’ex direttore del CorSera ricorda che mentre Bonafede proponeva a Di Matteo il Dap, entrambi “sapevano che alcuni mafiosi imprigionati annunciavano un finimondo nel caso quel magistrato fosse stato messo alla guida del Dipartimento. Anzi il ministro lasciò intendere che era proprio per aver avuto conoscenza delle minacce dei boss che aveva deciso di chiamarlo a quell’incarico”. Poi però intervenne il ripensamento notturno e la serie di domande che si porta dietro: “Cosa accadde quella notte di giugno del 2018? Ci fu qualche veto? Anche Bonafede poche domeniche fa telefonò in diretta a Non è l’Arena e non trovò spiegazioni convincenti al cambiamento di idea di due anni prima”.

Quella “melma” che sommerge la magistratura

Tutto questo mentre esplodeva l’altro caso capace di minare alle fondamenta la credibilità del sistema giustizia italiano: la divulgazione di una nuova trance di intercettazioni delle telefonate tra Palamara e i suoi sodali. Mieli definisce quelle conversazioni un “mare di melma, che sta sommergendo l’ordine giudiziario”. E sottolinea che “il punto” di tutto sono “le correnti della magistratura che sono diventate qualcosa di assai anomalo”. “Non se ne conoscono più i motivi di differenziazione ideologica. Appaiono centri di potere e come tali si muovono”. “A questo punto è chiaro che il problema non è più, come in passato, quello di porre rimedio a una subalternità alla politica. La politica è con le spalle al muro. Il potere sono loro, i magistrati che hanno in mano le correnti. Della crescita di questo potere hanno dato prova negli ultimi venticinque anni contribuendo non marginalmente a far saltare in aria i governi di Silvio Berlusconi e di Romano Prodi; mettendo alle corde Matteo Renzi e Matteo Salvini; infilzando una gran quantità di politici di calibro minore”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 7 Giugno 2020

    Se bonafede riuscira’ ad uscire dalla m…elma, forse chiarira’, ma deve prima aspettare che il partito gli diga cosa dichiarare.
    Sempre vergogna in un mare di vergogna.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica