Covid, Zangrillo: “Agli italiani va detta la verità, basta spaventarli. Innocui i nuovi focolai”

domenica 28 giugno 16:24 - di Lucio Meo

“Se torno indietro a 4 mesi fa, il 28 marzo è stato il giorno in cui sono stato più spaventato, mi veniva da piangere. Non sapevo dove mettere i malati. Oggi è il 28 giugno e tutti gli indicatori sono assolutamente favorevoli”. Il primario del San Raffaele di Milano, Alberto Zangrillo, ospite di Lucia Annunziata a ‘Mezz’ora in più’, su Rai3, rilancia la sua linea dell’ottimismo. E anche sui nuovi focolai, tra quelli di Mondragone e Bologna, Zangrillo non sembra preoccupato. “Non hanno alcun significato per me. In Florida c’è stata un’esplosione di infezione, quindi di soggetti infettati ma non malati. Anzi, la mortalità è passata dal 6,7 allo 0,4. In Italia abbiamo una serie di focolai che vanno controllati e identificati ma non equivalgono al focolaio di malattia. Ho parlato con Napoli, dove c’è stata finale coppa Italia e la paura di assembramento e non c’è un malato al Cotugno o al Monaldi”.

Zangrillo e il coronavirus sotto controllo

“Non è per essere faciloni o dire che non c’è il virus – ha ribadito Zangrillo -. Il virus c’è e non è mutato ma nella sua interazione con l’ospite è andato incontro, attraverso il fenomeno dell’omoplasia, a una perdita della carica rilevata in laboratorio, quindi è un’evidenza a cui corrisponde una mancanza di malattia. Non posso dire che non torni tra qualche mese ma tutti gli indicatori sonopositivi”.

Quindi ha concluso: “Il mio dovere è dire una parola di saggezza e verità agli italiani, che come abbiamo visto sono stati martoriati da una serie di ragioni differenti e sono assolutamente disorientati e spaventati. Solo un terzo dell’Italia è veramente ripartita, ora dobbiamo ripartire con attenzione, seguendo le regole, altrimenti moriamo e non di Covid”.

Ma Crisanti lo smentisce

Di parere diametralmente opposto sui nuovi focolai è il professor Andrea Crisanti. “Serve consapevolezza, il virus è ancora tra di noi e il pericolo non è finito. Noi dobbiamo interrogarci se siamo preparati a spegnere sistematicamente i focolai che via via si manifesteranno e che con l’autunno e l’inverno sicuramente avranno dimensioni e frequenza maggiori”. La linea dei pessimisti è espressa dal direttore della Microbiologia e Virologia dell’Università di Padova, intervenuto a sua volta a Mezz’ora in più su Raitre.

“Noi dobbiamo insistere e incalzare il governo e le autorità regionali a essere preparati, più saremo preparati più saremo pronti a convivere per un paio d’anni con la dinamica di questo virus, fino a che un vaccino speriamo arrivi. Dobbiamo attrezzarci con consapevolezza. Quello che è accaduto all’inizio dell’epidemia è in qualche modo perdonabile perché ci ha colto di sorpresa ma riprodurre la stessa situazione a ottobre-novembre sarebbe imperdonabile. E l’Italia non credo possa permetterselo”, conclude.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Morena Morelli 30 giugno 2020

    Perché non è possibile vivere serenamente, senza essere schiavi della paura?!? Lo scopo è più che chiaro: ci lasceranno “liberi” quando ci avranno sparato il vaccino, unico e vero obiettivo di questa rovina che è stata volutamente causata.

  • Piero 29 giugno 2020

    Mi chiedo unacosa:se il vaccino non c è ancora, quelle persone che sono guarite, con cosa sono state curate?

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica