Coronavirus: 23 morti, mai così pochi dal 2 marzo. Il virologo Clementi: “Entro luglio zero contagi”

lunedì 22 giugno 18:57 - di Giovanni Pasero

Altri 23 morti e 218 nuovi casi di coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore. E’ quanto emerge dal bollettino della Protezione Civile. Si tratta dell’incremento giornaliero di vittime più basso dal 2 marzo, quando c’erano stati 18 morti. Sale così a 34.657 il totale dei decessi dall’inizio dell’emergenza, mentre sono 238.720 i casi totali.

Coronavirus: i dati regione per regione

In Lombardia, la Regione più colpita, rispetto a ieri si sono registrati altri 143 casi (il 66% del totale). Sono invece 7 le Regioni a zero contagi nelle ultime 24 ore. Per quanto riguarda la situazione negli ospedali, risultano ancora ricoverati con sintomi 2.038 pazienti e altri 127 (21 in meno rispetto a ieri) si trovano in terapia intensiva.
In isolamento domiciliare 18.472 persone. In tutto gli attualmente positivi sono 20.637, in riduzione di 335 rispetto a ieri. Il numero dei guariti sale a 183.426 (+533). E’ stato intanto superato il tetto dei 5 milioni di tamponi eseguiti dall’inizio dell’emergenza (sono 5.013.342, di cui 28.972 nelle ultime 24 ore) per un totale di 3.057.902 casi testati.

Rispetto a ieri i deceduti sono 23 e portano il totale a 34.657. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 183.426, con un incremento di 533 persone rispetto a ieri. Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 13.638 in Lombardia, 1.970 in Piemonte, 1.154 in Emilia-Romagna, 585 in Veneto, 360 in Toscana, 250 in Liguria, 945 nel Lazio, 505 nelle Marche, 133 in Campania, 218 in Puglia, 53 nella Provincia autonoma di Trento, 72 in Friuli Venezia Giulia, 394 in Abruzzo, 141 in Sicilia, 89 nella Provincia autonoma di Bolzano, 13 in Umbria, 28 in Sardegna, 5 in Valle d’Aosta, 33 in Calabria, 43 in Molise e 8 in Basilicata.

Dati che fanno ben sperare. “Le infezioni ci sono ancora, ma credo che non si possa negare che in questa fase siamo in un situazione di regressione delle infezioni che sta andando molto bene. È probabile, e me lo auguro, che alla fine di questo mese potremo arrivare a zero nuovi casi”. Ad affermarlo all’Adnkronos Salute è Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di Microbiologia e virologia al San Raffaele di Milano, commentando i dati del bollettino della Protezione civile.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica