Complotto contro Berlusconi, Meloni: “Un’intercettazione che fa rabbrividire” (audio)

martedì 30 giugno 14:01 - di Viola Longo
berlusconi intercettazione

È “l’ennesima prova che in Italia esiste un pezzo di magistratura che fa politica”. Giorgia Meloni commenta così l’intercettazione nella quale il giudice Amedeo Franco, relatore della sentenza di condanna a Silvio Berlusconi per frode fiscale, parla di condanna fu pilotata.

Su Berlusconi un audio che “fa rabbrividire”

“Quello che è stato documentato ieri sera da Quarta Repubblica sulla sentenza di condanna di Silvio Berlusconi è l’ennesima prova che in Italia esiste un pezzo di magistratura che fa politica e attacca avversari politici, invece di cercare la giustizia e dare risposte ai cittadini”, ha scritto Meloni sulla sua pagina Facebook, postando anche l’audio dell’intercettazione. Nella registrazione, del 2013, si sente il giudice Franco dire che il Cav “a mio parere ha subito una grave ingiustizia”. Il suo destino, spiega ancora il magistrato, era essere “condannato a priori”.

Meloni: “Un affronto ai magistrati che fanno il loro dovere”

Per la leader di FdI “fa rabbrividire l’idea che la legge non sia uguale per tutti. E che ci siano giudici che utilizzino il loro potere per colpire qualcuno”. “È un affronto a tutti quei servitori dello Stato che fanno il loro lavoro e sono in trincea per difendere i diritti degli italiani. Perché senza giustizia – ha concluso Meloni – non c’è libertà”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Enzo 1 luglio 2020

    Cara Meloni,
    se veramente siete convinti che la sentenza contro Berlusconi è stata pilotata, allora non può essere ridotta ad un caso di malagiustizia, che pure non mancano.
    Avete il dovere, come coalizione, di chiedere di essere ricevuti dal Garante delle Istituzioni e Presidente del CSM e a lui consegnare i documenti. Perché si tratta di un attentato alla Costituzione. Se, poi, il Garante si rifiutasse di prenderle in consegna, lasciate quelle prove sulla pubblica piazza, davanti al Palazzo.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica