Bologna, al grido «italiani di m…» uno straniero aggredisce i carabinieri. Fermato con lo spray urticante

venerdì 5 giugno 8:16 - di Paolo Sturaro
Bologna

Violenza a Bologna. Rapina, lesioni aggravate e resistenza a un pubblico ufficiale. A queste accuse dovrà rispondere un 41enne straniero, di origine albanese. I carabinieri l’hanno arrestato in tardissima serata, quando una donna li aveva chiamati dopo essere stata aggredita da un uomo. Alcuni cittadini l’avevano visto aggirarsi in piazza dell’Unità.

Bologna, necessario l’arrivo di un’altra pattuglia

Alla vista dei militari, il presunto assalitore li ha insultati con frasi del tipo “italiani di merda” e li ha aggrediti con violenza. I carabinieri hanno fatto ricorso allo spray urticante al peperoncino chiamando anche rinforzi perché la situazione era difficile. Con l’arrivo di un’altra pattuglia, hanno riportato l’uomo alla calma e gli hanno messo le manette ai polsi.

 La vittima era stata presa a pugni

La vittima dell’aggressione è una 46enne italiana. Ha raccontato di essere stata presa a pugni dallo straniero durante una lite, All’Ospedale Maggiore di Bologna, dov’è stata trasportata d’urgenza, i medici hanno medicato la donna al piede per un frattura. La prognosi è di 30 giorni.

Poche ore prima, la rapina in autobus

A quel punto lo straniero è stato sottoposto a una perquisizione personale. I militari hanno trovato un portafogli con i documenti di una donna bolognese, un medico di 53 anni, che un paio di ore prima aveva subito una rapina sull’autobus, Sentita dai cerabinieri che l’hanno contattata per restituirle il portafogli, la donna ha riferito di essere stata spinta e rapinata da un uomo mentre stava timbrando il biglietto.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica