Autostrade, Rampelli: revocare subito la concessione ad Atlantia. Lo Stato torni a gestire i suoi beni

lunedì 1 giugno 18:31 - di Redazione

Revoca della concessione, ingresso dello Stato e tutela dell’interesse pubblico. Questa la “ricetta” di Fabio Rampelli per superare l’impasse Autostrade. ”Ogni volta che si torna a parlare di Autostrade,  si smarriscono le ragioni del confronto serrato. E della proposta di revoca. Bisogna ricordare che la rete autostradale è stata costruita esclusivamente con i soldi dei cittadini italiani. Comprese gallerie, viadotti, ponti, valichi, caselli, svincoli. Che una generosa quanto inopportuna concessione ha dato alla società Atlantia la sua intera gestione. In cambio di una manutenzione ordinaria e straordinaria. Che è stata  appaltata a ditte amiche. Secondo criteri non trasparenti. Con il corollario di consulenze milionarie e clientelari. Probabilmente suggerite da partiti amici”.

Autostrade, Rampelli: basta con Atlantia

Rampelli ricorda ancora che Atlantia ha  iniziato a riscuotere pedaggi, affitti per subconcessioni di spazi ricadenti sul sedime della stessa rete. Praticamente facendo cassa su beni costruiti dallo Stato. Il crollo del ponte Morandi e la condizione di degrado  in cui versano decine di infrastrutture dimostrano che l’unica attività svolta dalla società autostrade era effettuare la manutenzione ordinaria minima. Tale da giustificare i rincari annuali automatici delle tariffe. L’esponente di Fratelli d’Italia continua nel suo racconto-denuncia. “Dall’inizio della privatizzazione selvaggia a oggi non è stato realizzato un solo km di nuova autostrada a carico del concessionario. Il processo di automazione ai caselli non ha sviluppato nuova occupazione. Ma semmai l’ha rivista al ribasso. In molte nazioni a economia liberale le autostrade sono gestite direttamente dallo Stato. Ovvero da società dallo stesso partecipate. Con conseguente garanzia di re-investimenti degli utili di esercizio.

“Lo Stato deve tornare nella gestione”

“Pertanto appare paradossale il ritardo con cui si stia procedendo verso la revoca. E l’entrata dello Stato nella futura società che gestirà il traffico su gomma in Italia.  L’atteggiamento di Atlantia è risultato fin dal principio poco rispettoso delle prerogative della nostra comunità. Come dimostrano anche i maxi profitti realizzati sulla gestione di Aeroporti di Roma. Dove è stata incoraggiata la concorrenza sleale delle compagnie low-cost a danno di Alitalia. E  ora minacciando immaginifici licenziamenti in blocco dei dipendenti della società autostrade. E’ inutile precisare infatti che i lavoratori non perderanno affatto il loro posto. Perché l’attività di gestione, semmai, passerà solo di mano”. Per Rampelli si tratta di una “minaccia scorretta. Che tradisce, qualora ce ne fosse ancora bisogno, la natura di questa multinazionale. Che ha succhiato risorse pubbliche per decenni. Regalandoci una gestione pessima della rete autostradale, fino alla tragedia di Genova. Il governo proceda in fretta alla revoca. E vari un nuovo piano che consenta l’uso dei 5 miliardi l’anno di utili a beneficio della collettività”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Roberto 2 giugno 2020

    Tutto giusto e condivisibile!
    Ma mettere la gestione in mano all’ANAS è un azzardo, visto che i casi di corruzione ed inefficienza di questo carrozzone sono altrettanto imbarazzanti.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica