Arcuri come Conte: si beano del nulla su oltre trentamila morti

venerdì 5 giugno 6:00 - di Francesco Storace
Arcuri

Ogni giorno ha la sua pena e ieri ci è toccato lo spettacolo di Domenico Arcuri. I dispetti del nostro diavolo custode sono infiniti e dopo Conte non poteva capitarci di meglio. Anche se sarebbe preferibile chiudere la pagliacciata e togliere il collegamento da Marte.

Strabiliante il commissario. Finito di trangugiare chissà quale vinello il commissario a non si sa bene cosa ha incantato così i giornalisti: “Abbiamo fatto tutto in 85 giorni: per una volta, sarebbe davvero bello se tutti ci accorgessimo che siamo stati straordinari“. E dopo questo scommettiamo sulla nascita  delle bimbe di Arcuri, che poi sarebbe la moda del momento.

Ma Conte come ha scovato Arcuri?

Pensavamo alle task force come il massimo della fantasia istituzionale. Ma aver scovato Arcuri è stata un’impresa di cui dover dare lealmente atto a Giuseppe Conte. Nessuno ci sarebbe mai riuscito. La modernità ha i suoi costi e la competenza pure. E quando a marzo Arcuri scambiò la Russia con l’Unione Sovietica fu probabilmente per metterci alla prova.

Comunque è davvero bravissimo. Appena l’altroieri il premier ha detto che sostanzialmente abbiamo alle nostre spalle l’emergenza sanitaria e lui ci annuncia che a settembre avremo due miliardi di mascherine italiane. Forse se le farà assicurare dagli spacciatori di dispositivi falsi da cui si rifornisce abitualmente Nicola Zingaretti. A settembre, che poi mancheranno solo pochi mesi a Carnevale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • firmino 7 giugno 2020

    Dove conte ha scovato arcuri? Nel TIDE

  • Guido 5 giugno 2020

    Si sentiva proprio il bisogno di un simile personaggio…per ridere un po’ quando tiene le sue conferenze.

  • Claudio Brandani 5 giugno 2020

    L’unico merito del bellimbusto Arcuri è quello di avere conquistato, in passato, il cuore della bella Myrta Merlino.

  • Menono Incariola 5 giugno 2020

    DA UN PEZZO ORMAI, NON E’ PIU’ TEMPO DI SEGUIRE LE NORMALI PROCEDURE DI CORRETTEZZA PARLAMENTARE, CHE NON E CERTO STATA LA DESTRA A BUTTARE ALLE ORTICHE. INSISTERE IN UNA QUALCHE VELLEITA’ COMUNICATIVA COL MOLOCH GOLPISTA, ORMAI SERVE SOLO A DELEGITTIMARE CHI LO FA, SPECIALMENTE DALL’OPPOSIZIONE. SI PRENDA ATTO CHE IL PARLAMENTO E’ STATO DI FATTO EASAUTORATO, E SI AGISCA, PREEESTOOO, DI CONSEGUENZA. ALTRIMENTI LA GENTE, STUFA E DISPERATA, SI RIVOLGERA’ AL PROSSIMO SALTIMBANCO, CHE LA PRENDERA’ PER IL NASO, E CREERA’ UNA ANCORA PEGGIORE SITUAZIONE DI CRISI, DALLA QUALE SARA’ ANCORA PIU’ DIFFICILE USCIRE SENZA UN BAGNO DI SANGUE.

  • Silvia Toresi 5 giugno 2020

    Povera Italia e poveri noi Italiani.

  • maurizio pinna 5 giugno 2020

    Carlo Lorenzini, detto Collodi, aveva previsto tutto: l’ omino di burro, quello che conduce la diligenza nel Paese dei Balocchi. Nel suo immaginario tutti gli italiani sono dei somari da intortare e secondo il Matteo vernacolare per tutta la legislatura.
    E poi c’è il capolavoro della Scuola. Certamente per un Governo che dopo 4 MESI non ha ancora risolto nulla, si finirà per ricreare uno degli ambienti più confacenti al virus per trasmettersi. In USA è dagli anni 30 che si studia per corrispondenza, perché è una Nazione molto vasta e non tutti hanno i denari per soggiornare vicino ai Colleges. Invece c’è addirittura una compagna scienziata della chiacchiera che smania perché non si può fare un’ ultima rimpatriata scolastica per salutarsi, magari senza mascherina e abbracciandosi, tanto è un gioco. Anche durante la 2^GM , nella tanto deprecata Italia fascista, si studiò un po’ così, per 5 anni, e non credo che tutti quei diplomati e laureati siano poi risultati dei falliti.
    Siamo nelle mani di incapaci, saccenti, presupponenti e prepotenti. Giuseppi come Luigi, il Cadorna, 11 battaglie sull’Isonzo, migliaia di morti, per arrivare a Caporetto e poi la colpa venne scaricata sugli altri.

  • Laura52 5 giugno 2020

    Come vorrei che tutta questa gente seguisse il consiglio di mia nonna: ‘Un bel tacer non fu mai scritto’!

  • Cervohold 5 giugno 2020

    Basta con questo Sgoverno di sfasciacarrozze, votare il prima possibile e se Mattarella fa il furbetto dimissioni in massa dei deputati e dei senatori……….è profondamente immorale ed infame che questi cialtroni guidino la fase 3 condizionando per il futuro l’economia di questo disgraziato Paese, distrutto da vent’anni di gestione social-catto-comunista e date una pedata anche al sindacato, una delle cause prime, con la Confindustria complice, del disastro economico.

  • Maurizio Giannotti 5 giugno 2020

    Questo tizio è il classico “magliaro”; uno che non ti dà niente anche se a sentir lui ti dà tutto. Anzi. una cosa l’ha data agli Italiani: la sua enorme spocchia. E sicuramente non l’ha data gratis!!!!!!!

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica