Silvia Romano, bottiglia lanciata contro i vetri delle finestre della casa di Milano (video)

mercoledì 13 maggio 16:44 - di Redazione

Bottiglia di vetro rotta contro i vetri delle finestre della casa di Silvia Romano a Milano. Sul posto la polizia scientifica che sta effettuando rilievi nell’appartamento del piano di sotto a quello della famiglia della volontaria.  La famiglia che abita nell’appartamento avrebbe trovato dei cocci di vetro sospetti vicino a una finestra. Ieri sera c’è stato un tentativo di intrufolarsi nel palazzo da parte di un egiziano, che voleva dimostrare la propria solidarietà.

La ragazza continua ad essere oggetto di pressioni intollerabili. Di sicuro è complice il clima di odio sui social. E non parliamo delle critiche, legittime e argomentate, al modo in cui il rientro di Silvia Romano è stato gestito. E neanche dei sospetti sulla conversione. Ci sono stati insulti indecenti. Dei quali parla anche l’Osservatore Romano. La liberazione di Silvia Romano, si legge sul quotidiano della Santa Sede, “avrebbe dovuto produrre gioia, null’altro, invece è incredibile la sequela di reazioni, giudizi immondi, che sono piovuti da ogni angolo del Paese, che hanno vivisezionato tutta la vicenda accaduta a questa ragazza, a partire dalla sua scelta iniziale.Un tribunale fatto di migliaia di giudici, quasi tutti operanti sui social network, ha iniziato a sentenziare”.

 

Silvia Romano, bottiglia di vetro rotta contro le finestre di casa sua a Milano

Silvia Romano, bottiglia di vetro rotta contro le finestre di casa sua a Milano

Pubblicato da Corriere della Sera su Mercoledì 13 maggio 2020

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ben Frank 14 maggio 2020

    Le reazioni alla “liberazione” di questa scemetta mondialista sono giuste e sacrosante, la gente si è rotta le scatole di ragazzotte borghesotte, komunistoidi e idiote, che vanno a fare le pasionarie del ca…volo, si metono in pericolo e, poi, costano allo stato milioni, per riportarle a casa da baldracche islamiste in disarmo. Non mettetevi anche voi del “Secolo” a fare i buonisti, ne abbiamo abbastanza della sorta, che lo sanno fare meglio di voi!

  • GIOVANNI TAGLIAFERRI 14 maggio 2020

    Ma quale attentato! solo qualche frammento di bottiglia trovato per terra. Può essere che qualche ubriacone ha bevuto il contenuto ed ha rotto la bottiglia. ditemi però a che piano abita la povera martire col Cartier al polso!

  • roberto 14 maggio 2020

    Semplicemente ridicolo, ma non si vergognano a fare queste pagliacciate anche queste invece di occuparsi del popolo che in questo momento è alla disperazione? secondo me la bottiglia dovrebbero darla in testa a Conte e compagni.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica