Roma, immigrato getta a terra una 60enne, tenta di strapparle i pantaloni e di violentarla

martedì 12 maggio 8:50 - di Gianluca Corrente
immigrato

Un immigrato ha aggredito e tentato di abusare di una donna 60enne di origini sudcoreane.  È accaduto in zona Esquilino, a Roma. L’uomo, un 33enne di origine etiope, deve rispondere di violenza sessuale ed è nel carcere di Regina Coeli.

L’immigrato ha spintonato la donna alle spalle

La donna era ancora in stato di choc quando i poliziotti l’hanno osccorsa in via Leopardi. Aveva da poco subìto l’aggressione. Erano quasi le 8 del mattino quando la vittima, appena uscita dalla propria abitazione si stava incamminando verso il Colosseo per un po’ di attività motoria All’improvviso il terrore. L’immigrato l’ha spintonata alle spalle. La donna è caduta per terra a faccia in giù e l’aggressore l’ha bloccata gettandosi su di lei. Ha tentato di strapparle i pantaloni senza riuscirci.

La vittima ha urlato disperatamente

Nonostante l’assalitore le abbia bloccato la bocca con le mani, la 60enne – con le sue urla – ha attirato l’attenzione di due passanti che hanno messo in fuga l’immigrato 33enne. La donna, sotto choc, è stata accompagnata in ”codice rosa” al vicino ospedale di zona. Ha riportato una prognosi di quattro giorni per ferite ed escoriazioni alle ginocchia e alla bocca.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica