Recovery fund, il M5S spegne l’entusiasmo di Conte: “I soldi sono pochi”

martedì 19 maggio 11:09 - di Lucio Meo

Sull’entusiasmo del premier Conte per l’accordo franco-tedesco sul Recovery fund, cala il gelo dei grillini. Che di quella presunta “potenza di fuoco” economica non apprezzano quasi nulla, tantomeno l’importo, considerato poco più che un’elemosina per la parte destinata all’Italia.

“Iniziamo dalla proposta che abbiamo e da qui costruiamo un vero e proprio intervento potente. Perché 500 mld
sono pochini per fare quello che serve realmente al nostro Paese”. Lo ha detto il capo politico del M5s, Vito Crimi, ospite di “Start” su Sky Tg24 parlando dell’entità finanziaria del Recovery fund, secondo la configurazione emersa dal confronto tra la Francia e Germania.

Anche l’opposizione non approva l’accordo

Dalle file dell’opposizione, si condivide lo scarso entusiasmo dei grillini. Almeno a giudicare dalle parole di Antonio Tajani, vicepresidente di Forza Italia. “Sull’attuale configurazione del Recovery fund e sulla sua entità finanziaria, la proposta di Francia e Germania è orientata a tutelare i propri interessi ma l’Ue non può essere formata solo da due Paesi”.

Su Radio Cusano Campus, Tajani ha aggiunto.  “Toccherà alla Commissione Ue fare la proposta da presentare al Consiglio Ue. La proposta franco-tedesca è certamente meno ambiziosa dalla proposta fatta dal Parlamento Ue, che andava verso i mille miliardi. Francia e Germania hanno deciso di essere più coraggiosi di altri che frenano molto, però leggendo i documenti c’è una spinta orientata a tutelare gli interessi di questi due Paesi”.

L’entusiasmo di Conte per il Recovery fund

Ma Conte esalta il Recovery fund e lo saluta come una svolta epocale. “La proposta franco-tedesca (500 miliardi a fondo perduto) rappresenta è un primo passo importante nella direzione auspicata dall’Italia“. Lo scrive in un tweet il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “Ma -aggiunge il premier- per superare la crisi e aiutare imprese e famiglie serve ampliare il Recovery Fund. Fiduciosi in una proposta ambiziosa da parte della Commissione Ue”.

Il Fondo per la ripresa franco-tedesco “di 500 miliardi di euro fornirà una spesa a carico del bilancio per i settori e le regioni più colpite sulla base dei programmi di bilancio Ue e in linea con le priorità europee”, si legge nella proposta dei due Paesi sul Recovery Fund, “Iniziativa francotedesca per la ripresa europea dalla crisi provocata dal coronavirus”. Per finanziarlo, la Commissione Europea potrà “indebitarsi sui mercati per conto dell’Ue, nel pieno rispetto del trattato Ue, del quadro di bilancio e dei diritti dei Parlamenti nazionali”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica