Quella lezione di democrazia della Meloni a Conte. Ma Mattarella tace

venerdì 1 maggio 6:00 - di Francesco Storace

Saranno le nuove regole di Montecitorio, ma impressiona anche la fisicità nella forza degli argomenti usati ieri da Giorgia Meloni alla Camera contro Conte. Ci sono le parole, c’è la gestualità, il posizionamento.

Se vuoi parlare senza mascherina, ora parli dal centro dell’Aula ed è l’occasione per guardare in faccia il premier. Se vuoi dirgliene quattro a Conte, scegli proprio di stare senza mascherina per trovartelo di fronte. E sventagliargli addosso la montagna di abusi a cui sta sottoponendo la democrazia italiana. Ed è quello che ha fatto la presidente di Fratelli d’Italia. È il segnale fortissimo di una rottura che sarà difficilmente sanabile con questo presidente a Palazzo Chigi.

Da Meloni una lezione di democrazia a Conte

Perché l’etica della responsabilità non può essere a senso unico. L’opposizione ha manifestato fin troppa disponibilità; ma Giuseppe Conte è troppo preso da se stesso per capire l’importanza di un approccio diverso rispetto alla tragedia dei quasi trentamila morti da Covid-19. E se ne frega.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Andrea lombardi 3 maggio 2020

    Forse stiamo nella Corea del nord? Sembra di si.

  • Giuseppe Costantini 2 maggio 2020

    Mio caro presidente Conte, lei pensa che il suo comportamento sia accettato da parte dei cittadini italiani?
    Personalmente non credo; lei si regge suina maggioranza che, pur di stare in sella, farebbe carte false.
    Le sembra che il suo comportamento siabadeguatobai principi di uno stato di diritto?
    Sinceramente non mi sembra in quanto, per molte decisioni, sono state abrogate le regole della democrazia.
    Mi dica un po’: da quando è scoppiata la pandemia quante volte si è riunito il Parlamento per prendere decisioni in merito ai provvedimenti da prendere con l’appoggio anche dell’opposizione?
    Una persona che avesse scarsa conoscenza del problema, penserebbe che i provvedimenti presi sono quelli idonei per contrastare la situazione.
    Purtroppo non è così.
    D’altra parte lo dimostra l: elevato numero di morti che, ad un certo punto, era diventato il più alto numero al mondo.
    Si rende conto oppure fa finta che non si sia verificato?
    Vede, quando si occupano certi posti, di hanno delle grandi responsabilita’ per le quali è necessario prendere provvedimenti che cerchino di tutelare la salute dei cittadini.
    Purtroppo così non è stato in quanto, se i morti hanno raggiunto il massimo a livello mondiale, qualche piccola responsabilita’ c’è l’hanno i conduttori del vapore, cioè il governo.

  • Patrizia 1 maggio 2020

    È stata grande, è grande Giorgia Meloni e il suo discorso, per l’ennesima volta ha scompaginato le fila degli avversari che hanno risposto con insulti. Brava Giorgia vai avanti così gli italiani ti seguono.

  • Lanza Marinella 1 maggio 2020

    Quando dite Mattarella tace,oppure non risponde,o non esiste , perché lo dobbiamo stipendiare?????? Perché dobbiamo dare vitalizi a personaggi che già hanno magnato e rubato a più non posso???? Queste sono le domande che il popolo italiano di fa in tempi di grandissima crisi; eppure queste zecche ci sono e si continuano a spartire beni ,poltrone e denari, MA la PROTEZIONE CIVILE cerca donazioni a noi che non abbiamo più nulla…..questa vergogna deve finire gli italiani non ne possono più finiamola….subito ….

  • Corado Moraldi 1 maggio 2020

    a mattarella non interessa la DEMOCRAZIA !!!!! ma la sua poltrona !!!!!!!!

  • Menono Incariola 1 maggio 2020

    @ Nicolo’: farci accettare Draghi, prima come premier e poi come presidente della Repubblica, credo sia fra gli obiettivi prioritari della UE e di quanti, stranieri, intendono “esserci” nella “stanza dei bottoni” italiana. Draghi e’ stato sul Britannia, membro Bilderberg, come presidente della BCE ha si usato il “bazooka”, ma pure giornalmente determinato l’andamento dello “spread”, in linea con i “desiderata” europei, facendo iin pratica lo stesso gioco di Monti, da una posizione diversa, in modo comunque sinergico a causare all’Italia una sempre maggiore perdita di sovranita’ e contrattualita’ internazionale. E contribuendo quindi, neppure troppo indirettamente, alll’elezione di Mattarella.

  • Menono Incariola 1 maggio 2020

    Accusare Mattarella di “tollerare le manovre di Conte”, a tutti gli effetti e’ una “osservazione per difetto”. Non credo possibile dimenticare CHI, AD URNE APERTE, SI E’ MESSO DI TRAVERSO AL VERDETTO DEGLI ITALIANI, e tuttora mi chiedo QUALI E QUANTI SANTI IN PARADISO si siano mossi contro la sua incriminazione per abuso di potere ed INTELLIGENZA COL NEMICO. Del resto, il suo modus operandi e’ sempre stato perfettamente in linea con quello del suo beneamato predecessore. Unica differenza, abitualmente defilato, compare solo caricato a molla per recitare le poesie che qualcun altro gli ha scritto. Perfetto residente per il Museo Egizio. La “stagione degli abusi” finira’ SE e FORSE quando le opposizioni riusciranno a far cadere l’incubo isitituzionale oggi chiamato Governo, ma non e’ detto. Giorni fa, in un commento, il sen Borghezio ha detto “I resistenti, oggi, SIAMO NOI”, sarebbe il caso di rifletterci, con i dovuti corollari.

  • Giuseppe Costantini 1 maggio 2020

    Quello che mi viene da pensare è che il signor Conte passa per il tappabuchi della coalizione M5S/ PD.
    Quello che trovo strano è il fatto che, pur essendo divisi sulle responsabilità per risolvere l’attuale situazione anche perché i loro programmi erano completamente diversi prima della caduta del governo formato da FI/FdI/ Lega, ora sembrano partiti gemelli.
    Questa non si chiama democrazia ma partitocrazia poiché si sono uniti per governare due partiti che se le sono cantate in tutti i modi per ritrovare poi una coesione solo per interessi in modo da restare a galla per continuare a governare.
    Se questa è democrazia penso di essere in presenza di una trasformazione magica che qualcuno ha reso possibile con una bacchetta.

  • fabio dominicini 1 maggio 2020

    Mattarella è ormai da molto tempo che si accontenta a fare da tappezzeria.
    Avrebbe bisogno di qualche iniezione di orgoglio nazionale !

  • Giuseppe Costantini 1 maggio 2020

    Questo è un governo strano che di fronte ad una pandemia come quella che si è verificata, ha adottato misure in ritardo rispetto alla urgente necessità di contrastare il fenomeno della pandemia.
    Tanto è vero che ad un certo momento, il numero dei morti nel nostro paese è stato il più alto al mondo.
    Sarebbe opportuno che il signor presidente Conte ci spiegasse come siamo riusciti ad ottenere questo notevole risultato a livello mondiale.
    Se invece di fare tante chiacchiere tra maggioranza ed opposizione fossero state prese delle misure più stringenti, tenendo conto anche delle notizie che provenivano da paesi stranieri, forse il numero dei morti sarebbe stato molto minore.
    Ma, purtroppo, in questo paese, l’unica cosa che conta è dovuta al fatto che, chi gestisce il potere, reputa di dover prendere decisioni pensando che siano le migliori.
    Ma non è stato così: signor presidente Conte potrebbe spiegare agli Italiani come mai, ad un certo momento, siamo stati il paese con il più alto numero di morti?
    Se risponde farebbe un piacere a tutti gli Italiani assumendosi le responsabilità che spettano ad un capo di governo.
    Ma penso che questa risposta non arriverà mai.

  • aldo 1 maggio 2020

    In fin dei conti la colpa di tutti i mali d’Italia è mattarella. Questo signore non sa neanche leggere o per lo meno finge. I risultati delle elezioni politiche de marzo 2018, parlavano chiaro: i 5 stelle avevano preso il 32,3%, ma la legge elettorale ( fatta dal pd, detta rosatellum, parlava di coalizione e la prima coalizione aveva preso il 37%. L’incarico lo doveva dare a chi aveva vinto, ma la “cattiva canizie ” l’ha data a chi gli faceva comodo. Le leggi vanno rispettate da tutti, tranne lui!!!!!!
    Ci ritroviamo a comandare i perdenti con a capo il diversamente sincero.

  • Mario Salvatore Manca 1 maggio 2020

    Complimenti per l’articolo. Grazie, Onorevole Signora Meloni. Intanto ho ricevuto degli appelli sul telefono cellulare per firmare “No” all’appello di scendere in piazza per protestare contro il governo Conte. Motivazione: “Altrimenti firmerebbero soltanto i lettori di «LIBERO»”. Non ho risposto neanche e ho cestinato l’appello, avendo cura di memorizzare il mittente/i mittenti. Se me lo chiedessero a voce, risponderei:
    1) Non scendo in piazza perché sapete bene che fisicamente sono impedito (non potevo farlo prima del Coronavirus, meno ancora adesso);
    2) Non vedo perché non dovrei protestare contro un governo di cialtroni, inetti, incapaci, narcisisti, logorroici, e soprattutto non ho eletto, per far piacere a voi.
    3) Non leggo “LIBERO” ma penso semplicemente con la mia testa ed ho soltanto due narici, cioè non ho la terza narice per svuotare il cervello.

  • Giorgio Colomba 1 maggio 2020

    Caro Storace, stupirsi della condotta assunta dal Quirinale è un mero, doveroso esercizio di ossequio degno di miglior Inquilino: come potrebbe mai cessare la sua afasìa-atonìa l’uomo del Colle che di questo ferale esecutivo rossogiallo si è reso promotore, fiancheggiatore e garante?

  • Nicolo' 1 maggio 2020

    Ma che volete che dica Mattarella ?
    E’ lui il Capo del Governo , e’ lui che tiene in piedi la maggioranza delle “4 Sinistre”, e’ sempre lui che guida dietro Conte. La sinistra al governo sta mostrando tutta la sua insufficienza, l’ignoranza, la lontananza da economia e lavoro. E’ la sinistra dei salotti chic di Bruxelles, quella che odia “il popolo che non capisce”, quella della doppia morale, cui la democrazia non serve.
    Per liberarcene, bisogna passare dal governissimo con Draghi, non c’e’ via d’uscita. Con i microcefali al governo, quali gli attuali, andiamo incontro al disastro certo. MATTARELLA NON CI DARA’ MAI LE ELEZIONI, perche’ sa che un parlamento cos’ a sinistra non ci sara’ MAI PIU’.
    Draghi puo’ dare guida economica corretta sullo sviluppo, e credibilita’ al Paese nel mondo. 2 anni e mezzo con lui e poi voteremo. Forza, attraversiamo il guado che non c’e’ altra strada.

  • Giuseppe Lovergine 1 maggio 2020

    Cara Giorgia Meloni, un consiglio da parte mia. Prima di tutto dimostri a chi ci sta governando, che il centrodestra è ancora unito (e non come quella apparizione di di pochi minuti di qualche giorno fa), aderendo alla manifestazione che la Lega sta facendo, sia in Parlamento che al Senato. Sarebbe opportuno una volta per tutte, che si decida a prendere le distanze dal Presidente Silvio Berlusconi con i suoi residui seguaci di FI, il quale in questo momento sta dimostrando di essere inaffidabile (vedi il consenso dato al governo per il MES), per una futura coalizione che duri una intera legislatura. Poi in data 30 di questo mese, aderisca alla manifestazione generale che si dovrà svolgere a Piazza Montecitorio contro questo governo.

  • Roberto 1 maggio 2020

    Conte?
    Un arrammpicatore sociale che Di Maio e Salvini promossero da anonimo cittadino
    a Presidente del consiglio. Ora ha l’appoggio del PD (anche perché Conte è un comunista travestito da grillino) e cacciarlo è difficile. SOLO RENZI PUÒ!!!

  • Francesco SIGNORE 1 maggio 2020

    Ammiro il coraggio di Giorgia Meloni e provo a condividere la sua speranza : VERRÀ IL GIORNO IN CUI GLI ALBERI SI ACCORGERANNO CHE É SBAGLIATO DARE OSSIGENO PROPRIO A TUTTI …. ma intanto cominciamo a regalare qualche minuto di intelligenza agli imbecilli (54% degli italiani) estimatori di Conte e dintorni. Purtroppo il vaccino contro la stupidità non esiste mentre di così devastante patologia il Covid – 19 si sta rivelando un terribile coadiuvante.

  • Giuseppe Costantini 1 maggio 2020

    Mi dispiace ma il Presidente della Repubblica Mattarella, di fronte a certi abusi della Costituzione, sarebbe dovuto intervenire.
    Vorremmo comprendere quali siano i motivi che gli impediscono di intervenire in una fase molto delicata della vita quotidiana del nostri cittadini ma non si può prescindere dal fatto che in questo momento, a livello perlamentare, non esiste dibattito.
    Mi sembra di vivere in un paese dove vige la dittatura.
    Vorrei capire come mai decisioni, prese a livello internazionale, possano essere gestite dal Presidente del consiglio e da un suo ministro.
    A questo punto vorrei fare una semplice domanda al presidente del Consiglio Conte: perché dobbiamo pagare deputati e senatori quando di fatto i provvedimenti sono presi dal presidente del Consiglio e da un suo ministro?
    Da quanto mi risulta, leggendo il nostro ordinamento, vedi Costituzione, la nostra è una Repubblica Parlamentare.
    Ancora non siamo arrivati ad uno stato di diritto nel quale le decisioni sono prese da poche persone se non da una persona.
    Signor presidente del Consiglio rimetta i piedi per terra e cerchi di fare approvare delle norme che rimettano in moto la nostra economia altrimenti andremo incontro ad un periodo dalle “vacche magre” con una popolazione che vive in modo disperato una situazione contingente la cui fine è tutta da scoprire.

  • Giuseppe Forconi 1 maggio 2020

    Semplicemente, brava On. Meloni.
    Se il mattarella avesse solo un 2% della sua tenacia e forza, a quest’ora avremmo gia’ votato.
    Non si capisce, ha forse paura che quei quattro agnostici lo possano mordere ?
    Forse SI.

  • sergio la terza 1 maggio 2020

    Bisogna mettere fuori causa l’ABUSIVO.con lui anche Mattarella che dorme.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica