Primavalle, dramma della disperazione: un uomo spara a moglie e al figlio e si uccide

sabato 23 maggio 14:03 - di Domenico Bruni
primavalle polizia (3)

Choc a Primavalle, quartiere periferico nella parte ovest di Roma. Un dramma familiare sfociato nella violenza. Un uomo di 65 anni, Nicola Russo, ex guardia giurata, ha sparato alla moglie Gerarda Di Gregorio e al figlio e poi si è suicidato. Marito e moglie erano separati, e l’uomo era rimasto ad abitare nella casa coniugale in via Torrigio, una strada anonima ma tranquilla del quartiere.  Secondo una prima ricostruzione la donna, 63 anni, accompagnata dal figlio 43enne, erano andati a casa dell’uomo per riprendere alcune cose.

L’intero quartiere Primavalle sotto choc

A quanto pare è insorta una lite, e l’uomo ha accoltellato la donna, per poi prendere la pistola e sparare sia alla moglie sia al figlio, che probabilmente cercava di fermarlo. Poi ha rivolto la pistola contro se stesso. Trasportati immediatamente all’ospedale Gemelli, marito e moglie sono morti. Mentre il figlio è stato sottoposto a un’operazione d’urgenza e lotta adesso tra la vita e la morte.

Dopo aver sparato, l’uomo è uscito in strada e si è ucciso

La dinamica sembra piuttosto chiara, ma gli uomini del commissariato di Primavalle stanno inteerrogando i vicini per poter ricostruitre esattamente i fatti e le motivazioni che hanno scatenato l’ira dell’ex guardia giurata. A quanto pare la lite sarebbe iniziata, poco dopo le nove si stamattina,  nell’abitazione dell’uomo, il quale, dopo aver sparato a moglie e figlio, è poi uscito in strada e si è sparato alla tempia. «Ho visto una persona a terra in via Torrigio con una ferita alla gola, sanguinava e ho pensato fosse morto ma poi mi sono reso conto che respirava», ha raccontato un testimone al quotidiano romano Il Messaggero.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica