Porro incontenibile contro il governo: «Hanno fatto solo minch***te, vergogna» (video)

mercoledì 20 maggio 17:04 - di Alberto Consoli
Porro

Nicola Porro è una furia. Incontenibile. Anche Mario Giordano, il conduttore di “Fuori dal coro”, rimane colpito da tanta veemenza. Il fatto è che il conduttore di “Quarta repubblica”, ospite in trasmissione, da sempre si sgola per porre l’accento sulla “Fase 2, sulla ripresa economica dall’emergenza pandemica. Il fatto è proprio questo: ogni limitazione, ogni paletto, ogni ritardo posti dalla sciagurata pattuglia di Conte ed “esperti” sulla ripresa delle attività, segna la “morte” delle nostre imprese. “Sono fott…”, esplode.

Lo sfogo è brutale, sincero: “Lo Stato impone protocolli per cui il 10-15% del fatturato è cancellato? Sono fott***. Non ci sono misure che tengano – prosegue incontenibile Porro-.  Il problema è che chi ci governa pensa che quelli sono ricchi, che fanno profitti della Madonna: un bar invece si regge sempre sul filo di lana: se togli il 10% di fatturato con protocolli della minch***, tra mascherine e plexiglass, sono fott***”, ribadisce sconfortato.

Del resto è la realtà che parla da sola. In questi giorni gli sfoghi di tanti negozianti, piccoli imprenditori e commercianti hanno affollato i social, con i loro video, le loro situazioni personali. Nicola Porro ha perfettamente ragione. Il governo sta dimostrando di essere lontano anni luce da queste realtà. Il che fa incavolare non poco.

A quel punto Giordano ha tentato di equilibrare l’attacco durissimo, mettendo in campo quelli che restano, comunque, i criteri di sicurezza per la salute collettiva.  “Però la sicurezza, Nicola…”….  Porro si sccatena: “Ma chi se ne frega! Se muori che sicurezza hai, Mario? Se non dai da mangiare ai figli che sicurezza hai? Chissenefrega di questa mascherina. Se vuoi vivere col rischio zero non prendi l’auto per andare in ufficio, non baci le persone, vai a controllare col misurino le cucine dei ristoranti”, conclude. Come dargli torto?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica