Ore 15, nuovo sbarco di migranti a Lampedusa. Ora chi li mette in quarantena?

sabato 16 maggio 17:31 - di Davide Ventola

Nuovo sbarco di migranti a Lampedusa. Un’imbarcazione con circa 60 persone a bordo è giunta direttamente a Cala Madonna, intorno alle 15 di sabato 16 maggio. Provengono da diverse nazioni africane e sono uno dei tanti barconi che da alcune settimane, ogni giorno, arrivano nell’isola siciliana.

Il sindaco: “Tornano i migranti a Lampedusa, era previsto”

“Come era prevedibile – dice il sindaco Totò Martello – le buone condizioni del mare favoriscono gli sbarchi. È indispensabile che la nave Moby Zaza destinata alla quarantena dei migranti, che attualmente è ancora a Porto Empedocle in attesa di alcune verifiche tecniche, venga al più presto fatta arrivare a Lampedusa. Chiedo al Governo nazionale un intervento urgente e determinato in questo senso altrimenti non si comprende, anche gli occhi dell’opinione pubblica, a cosa serve aver fatto un bando per una nave per la quarantena se poi viene lasciata a Porto Empedolce e non a Lampedusa, dove i migranti arrivano”.

Migranti a Lampedusa, chi li mette in quarantena?

“L’utilità della Moby Zaza – aggiunge Martello – dovrebbe essere quella di far trascorrere la quarantena dei migranti a bordo evitando spostamenti verso altre localita’ su motovedette della Guardia Costiera o sulla nave di linea, dal momento che a Lampedusa il Centro di accoglienza è pieno. Ma se la nave è lontana dall’isola, i migranti continueranno a sostare sul Molo Favaloro in attesa del trasferimento, e in pratica non avremmo risolto nulla. Bisogna predisporre il dislocamento della Moby Zaza di fronte l’isola, e bisogna farlo al più presto”.

La Moby Zaza è a Porto Empedocle

Ormai gli sbarchi dei migranti seguono la regolarità delle navi da crociera.  I migranti saliti a bordo della Moby Zaza fanno parte del gruppo approdato a Lampedusa nella giornata di mercoledì. In quell’occasione, due barchini, di cui uno partito dalla Libia, hanno raggiunto le coste dell’isola più grande delle Pelagie. Dopo una prima notte trascorsa sul molo Favarolo, buona parte di loro è stata poi fatta alloggiare all’interno di un istituto della parrocchia locale.

Il decreto Bellanova ha dato il via ai nuovi sbarchi

Venerdì invece il trasferimento a Porto Empedocle: approdati sulla banchina del molo siciliano, le forze dell’ordine e di sicurezza hanno quindi scortato il gruppo di migranti all’interno della Moby Zaza.
Oggi pomeriggio il nuovo sbarco. L’ennesimo di un’estate che si annuncia lunghissima.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Franco 19 maggio 2020

    Io non capisco non c’è lavoro case per gli italiani continuano a fare arrivare clandestini ma perché non li aiutano a casa loro farli lavorare costruire case strade ospedali ecc…un ceco non può GUDARE un altro ceco

  • Valter 18 maggio 2020

    la politica di invasione continua edabbiamogià in casa niotra circa 6.500.000 stranieric mi pare ovvio che alla opera distruttrice della sinistra e dei suoi padroni vada associata la incapacità se non peggio della opposizione che non ha saputo o voluto fermare questo scempio, ma per gli Italiani devo aggiungere che chi pecora si fa il lupo se lo mangia ed a quanto pare mentre gli africani e tutti gli altri impazzano ovunque gli Italiani rassegnati vivono solo di codardia e mugugni …. ed allora .. MUTISMO E RASSEGNAZIONE !!!!!

  • 16 maggio 2020

    E’ un governo di indegni incapaci. Dire altro sarebbe inutile! Il Sinnaco che fino a qualche mese fa faceva il bel sinistro accoglientista, adesso dovrebbe stare solo zitto! Autra cosa inutili!

  • mariya 16 maggio 2020

    Andate al diavolo…Povera Italia…

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica