Meloni: con la Rackete tre aguzzini in Italia, ma Delrio e Orfini che salirono sulla Sea Watch se ne stanno zitti zitti

domenica 31 maggio 17:09 - di Redazione

“Associazione a delinquere finalizzata alla tratta di persone, alla violenza sessuale, alla tortura, all’omicidio e al sequestro di persona a scopo di estorsione: sono questi i reati per i quali il Gup del Tribunale di Messina ha condannato a 20 anni di carcere ciascuno Mohammed Condè, Hameda Ahmed e Mahmoud Ashuia”.

Lo scrive Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, in un editoriale su ‘La voce del patriota‘. E continua: “Parliamo dei tre torturatori che lavoravano come carcerieri in Libia e che sono arrivati in Italia a bordo della Sea Watch 3 comandata da Carola Rackete, l’icona della sinistra italiana ed europea che ha speronato una motovedetta della Guardia di Finanza violando le nostre leggi e i nostri confini”.

Notizia nascosta dalla grande comunicazione

“La condanna di questi macellai -aggiunge- è una notizia clamorosa, che oggi viene nascosta dalla stessa grande comunicazione che un anno fa ricoprì di onori la Rackete dipingendola come un’eroina senza macchia e senza paura. Senza pudore l’ipocrisia di quei parlamentari di sinistra, da Delrio a Orfini passando per Fratoianni, che un anno fa salirono su quella nave per accusare di ogni nefandezza e atrocità quello stesso Giuseppe Conte con cui oggi sono felicemente al governo. Della serie: Mettiamoci una poltrona sopra e dimentichiamo tutto“.

“Fratelli d’Italia -conclude Meloni- rimane coerente e non cambia posizione: in Italia non si entra illegalmente, chi aiuta a farlo deve essere sanzionato, le Ong non sono al di sopra della legge e il blocco navale è l’unica soluzione definitiva per fermare le partenze e combattere gli schiavisti del Terzo Millennio”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • lamberto lari 3 giugno 2020

    COME SI EVINCE SI CADE SEMPRE A BOMBA…….LA MAGISTRATURA FIANCHEGGIATRICE PERVERSA DELLE TANTE RACKETE DI TURNO, DI TANTI CRIMINALI LASCIATI A PIEDE LIBERO…. MI CHIEDO QUALE E’ L’ALTERNATIVA????

  • Giuseppe Forconi 1 giugno 2020

    NO ! i tre criminali rimarranno da noi e forse ne sentiremo parlare perche’, come si dice, la volpe perde il pelo ma non il vizio. Altrettanto criminale e’ che due pseudo addetti ai lavori di questo inetto governo, sono andati a bordo per dargli il benvenuto in questo dilaniato Paese. Vergogna, profonda vergogna e gli viene anche pagato il sontuoso stipendio dalle tasse di chi lavora onestamente.
    Ma che cavolo di Paese e’ diventata l’Italia, costoro i (comunisti) sono i leggittimi figli di quel palmiro tanto amato dalla sinistra?????
    Andate tutti all’inferno che e’ l’unico posto degno per voi.

  • rino 1 giugno 2020

    Buonismo cattocomunista di comodo e di facciata. All’Italia hanno fatto di peggio.

  • Cervohold 1 giugno 2020

    Tutto regolare…………i social-catto-comunsti hanno la faccia come il culo, non pagano mai dazio.

  • Gregorio Marchese 31 maggio 2020

    Giogia la penso come te ,difendiamo l’Italia da ogni possibile intrusione esterna e malvagia.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica