Marocchino rapina due giovani e violenta la ragazza su un binario morto: si fa luce sul caso Cadorago

martedì 5 maggio 9:37 - di Redazione
marocchino

Prima l’aggressione per rapinare la cocaina presa nei boschi di Cadorago. Poi la violenza sessuale del marocchino alla ragazza. Torna alla luce il gravissimo fatto di cronaca del giugno scorso perché la vittima ha confermato tutto ciò che aveva denunciato. Ora il  27enne marocchino, senza fissa dimora, deve rispondere alle accuse di rapina, violenza sessuale e lesioni personali.  La notizia viene riportata nei dettagli da Il Giorno.

La deposizione della ragazza incastra il marocchino

I carabinieri hanno ricostruito l’aggressione subita dai due giovani. Erano arrivati in stazione, quando due marocchini, armati di coltello, li avevano obbligati a dargli la droga acquistata poco prima. La ragazza l’aveva nascosta nel reggiseno. Il compagno, che aveva tentato di reagire, sarebbe stato colpito con un pugno al volto, ed entrambi privati dei cellulari. A quel punto il marocchino ha trascinato la ragazza lungo un binario morto, in una zona ancora più buia. E ha minacciato di accoltellare il fidanzato se non si fosse dimostrata accondiscendente.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica