Lockdown e Fase 2: le donne più penalizzate. Le “Mamme d’Italia” scrivono al governo: ecco cosa serve

sabato 9 maggio 15:38 - di Natalia Delfino
mamme

Le donne hanno pagato più di tutti il lockdown in termini di fatica. E continueranno a trovarsi in affanno, ancor di più, nella fase della riapertura. A metterlo in evidenza è un report della Fondazione studi Consulenti del lavoro “Mamme e lavoro al tempo dell’emergenza Covid-19”. Secondo il report, infatti, le mamme italiane tra turnazioni degli studenti, alternanza casa-scuola, formazione a distanza, dovranno gestire una quotidianità particolarmente complessa.

La lettera di “Mamme d’Italia” al governo

Lo studio si concentra in particolare sui 3 milioni di donne con almeno un figlio con meno di 15 anni, circa il 30% delle occupate totali (9 mln 872 mila). In questi due mesi di sospensioni e lockdown hanno lavorato più dei papà e saranno il segmento più in affanno anche nei mesi futuri. Dunque, alla vigilia della Festa della mamma emerge un quadro di difficoltà per le donne che si misurano con i compiti familiari. Considerando anche le preoccupazioni legate alla situazione economica, come sottolineato dall’associazione “Mamme d’Italia”, fondata dalla consigliera comunale di FdI a Roma, Laviania Mennuni. “Mamme d’Italia” ha messo nero su bianco difficoltà e priorità delle donne in una lettera a Giuseppe Conte e ai ministri Gualtieri, Patuanelli, AzzolinaBonetti.

Servono speranza e soldi

“Le madri – si legge nella lettera – sono oggi in uno stato di forte preoccupazione a causa dell’emergenza sanitaria, soprattutto per l’incertezza economica dovuta alla perdita del lavoro o alla chiusura della propria attività, anche se temporanea”. Per Mennuni “per ripartire abbiamo bisogno di iniezioni di speranza e di risorse economiche”, abbattendo i vincoli della burocrazia. “Riavviare un’impresa, un’attività commerciale, una professione, deve essere considerato il vostro primario obiettivo. Riavviando le attività – ricorda l’associazione Mamme d’Italia – riportando i cittadini al proprio lavoro, li riportiamo ad operare, insieme, alla costruzione del domani nostro, di tutta la nostra Italia”.

Liberarsi della burocrazia

Liberiamoci di leggi e leggine e semplifichiamo le procedure per aprire un’attività; per affidare una commessa pubblica; per svolgere opere urgenti”, chiedono quindi le mamme italiane, indicando l’esecuzione dei lavori del Ponte di Genova come esempio da seguire. Infine, Mamme d’Italia invita a cogliere a beneficio degli italiani tutte le possibilità che si aprono, compresa quella di “dedicarsi anche a lavori stagionali per far progredire la nostra agricoltura”, per la quale invece il governo pensa alla regolarizzazione di 600mila clandestini.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica