Le “guardie rosse” di Boccia sommerse da un coro di pernacchie: 60mila sconosciuti senza arte né parte

martedì 26 Maggio 10:50 - di Maurizio Gasparri
guardie rosse

L’ineffabile presidente dell’Anci, Decaro, supportato nientemeno che da Boccia, titolare di un non meglio identificato ministero, ha meditato di arruolare sessantamila neo vopos, o neo guardie rosse, che con dubbie tutele assicurative e, in teoria, a costo zero, dovrebbero fare i vigilantes nelle strade e nelle piazze di Bari e degli altri comuni italiani. Nel giro di poco tempo, la proposta dei vigilantes-guardie rosse è stata giustamente sommersa da un coro di pernacchie. Per questa attività ci sono le forze dell’ordine, le forze armate e le polizie locali.

Le “guardie rosse”, esercito di sconosciuti

Non si possono appaltare incarichi del genere a sessantamila sconosciuti, privi di formazione e di esperienza, che non si capisce in che modo dovrebbero migliorare la sicurezza nelle nostre città e perché poi dovrebbero farlo senza percepire alcun compenso. Garantire comportamenti responsabili è una priorità per tutti noi, perché non possiamo considerare totalmente chiusa l’emergenza. Ma il coronavirus non può essere usato per adottare atteggiamenti confusi e maoisti.

Roma non è Hong Kong

Capisco che abbiamo un governo asservito ai cinesi, ma Roma non è Hong Kong. Non possiamo vedere lesa la libertà dei cittadini da improvvisati controllori di cui non si può giudicare la competenza. Mandino piuttosto i fruitori del reddito di cittadinanza a lavorare nei campi o a falciare l’erba nei parchi pubblici. Basta con la festa a spese dei cittadini di alcuni furbi che prendono soldi in cambio di nulla. La proposta dell’Anci è assurda e irricevibile, perché c’è già chi, in divisa e con tutte le competenze del caso, si occupa della tutela del territorio. Il presidente dell’Anci e il ministro Boccia dovrebbero come minimo ritirare questa idea assurda e delirante, piuttosto che difenderla.

Più apprezzabili sarebbero le dimissioni, visto che hanno avanzato proposte cervellotiche delle quali  nemmeno il Viminale era a conoscenza come giustamente, con garbo ma con chiarezza, ha fatto capire il ministro Lamorgese. Boccia e Decaro hanno bisogno di qualcuno che vigili su di loro, più che mettere in campo persone che vigilino sugli altri.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *