L’altra faccia dell’immigrazione, pusher africano in azione in metro: si finge passeggero e spaccia ai clienti (video)

martedì 5 maggio 19:36 - di Greta Paolucci
Pusher africano in metro frame da video Youtube

Gli immigrati pusher non conoscono tregua da lockdown. Ma almeno, l’ultimo di loro beccato dalle forze dell’ordine nell’esercizio delle sue funzioni, indossava la mascherina. Magra consolazione, a dire il vero. Per il resto, lo schema criminale di spaccio di droga al dettaglio, è sempre lo stesso. Così come identica è, quasi ogni volta, la reazione degli spacciatori fermati che provano a sottrarsi al fermo e all’identificazione, non sempre pacificamente… Non solo però: in quest’ultimo caso denunciato, tra gli altri, dal sito di Roma Today proprio in queste ore, quella che emerge dalle indagini è un architettura ingegnosa della modalità di spaccio.

Pusher africano in azione alla Stazione “Centro Rai”

Dunque, l’immigrato africano beccato dagli agenti della Squadra Mobile a spacciare alla fermata Centro Rai della metro, si fingeva un passeggero in attesa del treno. In realtà, invece, come si evince chiaramente dalle immagini del video postato da Youtube in basso, spacciava tranquillamente droga al dettaglio. l’aggirarsi furtivo. Salire e scendere dalle sale della stazione. L’avvicinarsi di clienti: tutto è stato attentamente monitorato dai Falchi della Sesta Sezione “Contrasto al Crimine diffuso” della Squadra Mobile della Questura di Roma. I quali, al termine dell’attività investigativa, hanno arrestato ben tre cittadini stranieri coinvolti in attività nello spaccio di sostanze stupefacenti.

Bloccato e perquisito dagli agenti della Squadra Mobile

Gli agenti appostati hanno notato e registrato quello che Roma Today definisce giustamente «un insolito viavai di autovetture presso la menzionata stazione. Dove le auto si trattenevano per poco tempo per allontanarsi subito dopo essere state avvicinate da una persona di nazionalità straniera». Il quale, raccolta la richiesta del cliente di turno, dopo qualche istante ritornava sulla banchina della fermata della metro, in attesa del prossimo da “servire” in quel suo bancone della droga a cielo aperto. Una volta confermati i sospetti, gli agenti sono intervenuti avvicinandosi al pusher: un 23enne originario della Guinea. Il quale, neanche a dirlo, dopo aver tentato di sottrarsi violentemente al fermo, ha ceduto. Le forze dell’ordine, ristabilita la calma, lo hanno perquisito: e guarda caso, dalle sue tasche sono venute fuori 12 bustine contenenti una sostanza molto simile all’eroina.

Perquisita anche la casa: alla fine in tra finiscono in arresto

Ma non è ancora tutto. Gli agenti della Squadra Mobile, accompagnati dal pusher africano, sono andati a perquisire anche l’abitazione dell’immigrato, poco distante la stazione “Centro Rai”. Dove, dopo aver denunciato il proprietario dell’appartamento per  “cessione di immobili a stranieri irregolari”, hanno anche eseguito un rapido controllo di polizia. Durante il quale, guarda caso, come riferisce sempre Roma Today, gli agenti hanno trovato, nascosti in alcune valigie occultate in un lucernario, «645 grammi di marijuana e 7 grammi circa di eroina». oltre a  1880 euro, anche quelli opportunamente nascosti in un’altra borsa, e assai probabilmente provento dello spaccio. Gli agenti, a quel punto, hanno provveduto a sequestrare il denaro e la droga. Poi, hanno arrestato e condotto nel carcere di Regina Coeli, i tre malviventi. Guarda ancora il caso, risultati tutti con precedenti di polizia a carico…

In basso, il video da Youtube del pusher africano attivo alla Stazione metro “Centro Rai”

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica