Ispezione vaticana: il frate rosso Enzo Bianchi via dalla Comunità di Bose

mercoledì 27 Maggio 14:08 - di Guido Liberati

Il priore di Bose, Enzo Bianchi decade da tutti gli incarichi detenuti, dovrà separarsi dalla Comunità e trasferirsi in un altro luogo. La lettera di Papa Francesco, firmata dal Segretario di Stato cardinal Pietro Parolin, arriva dopo un’ispezione e un’indagine vaticana. Lo scorso dicembre Bergoglio aveva infatti disposto una Visita Apostolica per superare quelli che la Comunità oggi definisce “gravi disagi e incomprensioni”, in grado – sempre secondo la Comunità – di “indebolire o addirittura annullare” la sua rilevanza ecclesiale ed ecumenica.
I provvedimenti di allontanamento riguardano anche Frate Goffredo Boselli, Frate Lino Breda e Suor Antonella Casiraghi.

Enzo Bianchi allontanato dalla Comunità che ha fondato

“La Visita Apostolica si è svolta dal 6 dicembre al 6 gennaio e, al termine di essa, i Visitatori hanno consegnato alla Santa Sede la loro relazione, elaborata sulla base del contributo delle testimonianze liberamente rese da ciascun membro della Comunità – è la ricostruzione di Bose -. Dopo prolungato e attento discernimento e preghiera, la Santa Sede è giunta a delle conclusioni che sono state comunicate agli interessati alcuni giorni fa”. La comunicazione, precisa ancora il sito internet di Bose, è avvenuta “nel massimo rispetto possibile del diritto alla riservatezza degli interessati”. “Il rifiuto dei provvedimenti da parte di alcuni destinatari ha determinato una situazione di confusione e disagio ulteriori”, conclude la Comunità di Bose, che auspica una pronta ricomposizione.

Chi è Enzo Bianchi, il frate rosso con smanie da rockstar

Il priore di Bose è il classico prete sessantottino. Molto contestato dagli ambienti cattolici conservatori, come spiega bene questo articolo di Tempi, che chiede: “Ma Enzo Bianchi è cattolico?”. Le sue posizioni sono spesso molto eccentriche, ma scontate nel mondo dei religiosi rossi. I nemici? Il capitalismo, i sovranisti, i politici che chiedono limitazioni agli immigrati. I suoi modelli? Tutte le altre religioni. A cominciare dall’Islam e persino i monaci tibetani che si danno fuoco. Ad esempio, per difendere il mondo islamico e giustificare i terroristi, aveva sostenuto che la Bibbia non è meno violenta. Per giustificare la sottomissione delle donne, ha tirato in ballo le suore. Anche sulla figura di Maria ha mostrato una visione bizzarra, dicendo che “il modello di Maria, vergine e madre non può essere il riferimento per una promozione della donna nella chiesa”.

La denuncia di Don Francesco Indelicato

Intervistatissimo dalle testate di sinistra e dalle tv, Enzo Bianchi è il classico esempio di religioso rockstar. Una tendenza allarmante, come denuncia don Francesco Indelicato, responsabile dell’Ufficio per la Pastorale del Tempo Libero, del Turismo e dello Sport del Vicariato di Roma. “Ho l’impressione che all’interno della Chiesa ognuno cerchi di raccontare se stesso”, ha denunciato don Indelicato in occasione la 54ma Giornata mondiale delle comunicazioni sociali,

“Certi influencer cattolici pensano solo al loro interesse”

“Anche le dirette delle celebrazioni eucaristiche – lamenta il prelato vaticano –  che a motivo della pandemia si sono moltiplicate a dismisura, talvolta hanno narrato il protagonismo di chi le presiedeva piuttosto che il memoriale della morte e resurrezione di Gesù. Gli “influencer” cattolici si guardano bene dal mettere in comune i carismi che il Signore ha dato loro per l’edificazione del Regno dei cieli. E così ci ritroviamo in un ginepraio di monadi che guardano esclusivamente al proprio interesse, ai propri ascolti…”. Un identikit che si confà perfettamente a tanti religiosi rockstar. Incluso l’ormai ex priore di Bose.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Gino jumper 27 Maggio 2020

    Quando non c’e amore ma solo presenzialismo egocentrismo e potere, sia per Enzo Bianchi che per Papa Francesco ,questi sono i risultati.La ennesima prova del 9 di quante fin
    zioni c’erano e ci sono nel monastero di Bose e nella enclave “francescana”

  • Jeremy 27 Maggio 2020

    La Chiesa Cattolica non perdona chi si scosta dalla propria linea tradizionale, salvo riabilitare gli innovatori alcuni secoli dopo. Ma basta avere pazienza, così forse un giorno Enzo Bianchi – che non sono in grado di giudicare – sarà visto come chi vedeva lontano…? Del resto la Chiesa di Roma, dopo aver bruciato vivi eretici e dissenzienti, ha cancellato il Limbo, pare anche il Purgatorio e speriamo elimini anche l’Inferno…

  • Roberto.Pietro venturuzzo 27 Maggio 2020

    Io ho paragonato il Priore Enzo Bianchi al grande prelato, quale Cardinal Maria Martini e per un certo modo di diffondere la morale al Santo Wojtyla! Personaggi tutti con una tempra spirituale progressista, e quindi scomodi per coloro che incarnano una classe di potere temporale che fa scadere la Vocazione gratuita e determinante per il benessere spirituale. Queste iniziative dei quadri ecclesiastici, ingenerano oscuramento, sfiducia ed incertezza perché contraddicono il messaggio evangelico…