Il pentito Mutolo: “I boss scarcerati sono parte della trattativa Stato-mafia. Di Matteo al Dap dava fastidio”

sabato 9 maggio 14:54 - di Sveva Ferri
mutolo

Una “vergogna”, che “fa parte della trattativa Stato-mafia“, la quale è “tutt’ora in corso”. Il pentito di mafia Gaspare Mutolo interviene sull’affaire della scarcerazione dei boss e dice: non hanno voluto Nino Di Matteo al Dap proprio perché “la sua nomina avrebbe potuto avere delle ripercussioni sulla trattativa”.

Chi è Gaspare Mutolo, pentito storico di Cosa nostra

Mutolo, che ha rilasciato un’intervista esclusiva con l’agenzia di stampa Adnkronos dalla sua residenza segreta, è un pentito di mafia “storico”. Alle spalle ha ventidue omicidi e l’esperienza come scagnozzo del boss palermitano Rosario Riccobono, killer ed autista del capo dei capi corleonese, il sanguinario Totò Riina. Una carriera criminale portata avanti fino al 1991, quando decise di collaborare con i giudici Giovanni Falcone prima e Paolo Borsellino dopo. Per Mutolo le scarcerazioni dei boss e di altri detenuti che erano al carcere duro sono prive di logica, perché “è molto più probabile essere contagiati dai propri familiari che in isolamento”.

Bonafede dice che torneranno in carcere? “Una buffonata”

Per Mutolo, poi, “è inutile che adesso il ministro Bonafede annunci in pompa magna che li vuole fare ritornare in carcere. Ormai sono fuori. I buoi sono scappati dal recinto. Ci vorrebbe forse una legge ad hoc, come fecero Andreotti e Martelli tanti anni fa. Ma, in ogni caso, è una buffonata“. “Ripeto, è assurdo fare uscire 376 tra mafiosi e altri detenuti, perché potrebbero tornare a delinquere”, ha aggiunto Mutolo, spiegando di aver conosciuto bene uno dei boss scarcerati, Francesco Bonura: “È un gran signore, ma sempre mafioso è…”.

“La trattativa Stato-mafia c’è ancora”

Ma come si spiegano queste scarcerazioni? Per Motulo “fanno parte della trattativa tra Stato e mafia”. “È stata la prima cosa che ho pensato quando ho letto delle scarcerazioni dei boss: che ci potevano essere ancora quei patti, anche se fatti in ritardo. Basti pensare – ha spiegato il pentito – a quello che sta facendo Giuseppe Graviano dal carcere. Lancia segnali con le sue dichiarazioni nel processo di Reggio Calabria. Prima non sarebbe stato immaginabile”. “Fa tutto parte della stessa strategia. La trattativa tra Stato e mafia non è mai finita. Vedrete…”, ha detto, spiegando poi che anche la nomina di Nino Di Matteo a capo del Dap è saltata per questo motivo. “Ha fatto moltissimo contro la mafia e al Dap avrebbe potuto fare danni ai boss”, ha sostenuto Mutolo, affermando che “io, già 20 anni fa, avevo detto in una intervista che secondo me assomigliava a Falcone, come tipo di giudice”.


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • vada michele 11 maggio 2020

    Il ministro Bonafede se ha il coraggio quando si alza al mattino si guardi allo specchio se ha ilo coraggio si dimetta non può calpestare l’onore di magistrati forze dell’ordine che hanno dato la propria vita per combattere la mafia . Come fanno imprenditori cittadini a denunciare le minacce se poi vedono i loro sforzi vanificati da un ministro che a questo punto mi fa pensare che il primo ad aver paura sia proprio lui faccia quindi la cosa giusta si dimetta

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica