Il centrodestra “in piazza” il 2 giugno. Trovata l’intesa: insieme, senza bandiere di partito

martedì 19 maggio 18:43 - di Redazione

Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia insieme. E’ ufficiale. Il prossimo 2 giugno il centrodestra “si muoverà” all’unisono per dare voce al dissenso degli italiani. Che, come ha ricordato Giorgia Meloni, hanno finito la pazienza. L’incontro di oggi tra la leader di FdI, Salvini e Tajani ha suggellato l’intesa sul grande evento. E  messo fine ai dubbi dei giorni scorsi sulla partecipazione di Forza Italia.

Il centrodestra insieme il 2 giugno per gli italiani

“Senza bandiere di partito, ma tutti insieme, sono contento”, ha detto Salvini, parlando di fronte agli uffici della Lega al Senato. L’intesa è arrivata dopo gli annunci in autonomia, fatti negli scorsi giorni. L’iniziativa del 2 giugno ha preso corpo nel corso dell’esecutivo di Fratelli d’Italia sabato scorso. Poi è stata diffusa attraverso i social finché, a breve giro di posta, è sceso in campo anche Matteo Salvini. Manca ancora lo slogan comune: bisognerà stabilire se puntare contro i ritardi del governo, oppure farsi “solo” interpreti dei bisogni della gente. Se spingere contro l’Unione europea, nel mirino di Lega e Fratelli d’Italia ma non allo stesso modo criticata da Forza Italia. Oppure solo contro la Cina e i rischi di svendita delle infrastrutture del paese. Pericolo su cui fino a oggi ha insistito molto Antonio Tajani.

Trovata l’intesa, niente simboli di partito

Ancora top secret le modalità, vista anche la necessità di osservare le misure di distanziamento e di sicurezza sanitaria. Di certo l’evento avrà il suo clou a Roma, con un maxi-tricolore allungato preso per mano dai leader, per un breve percorso simbolico nel cuore della Capitale. Ma – come ha raccomandato Berlusconi rappresentato al tavolo romano dal vice Tajani – non bisogna creare alcun problema di ordine pubblico. Il prossimo 2 giugno non deve essere corso nessun rischio di violare le regole sanitarie. Il Cavaliere ha fatto sentire la sua voce al telefono, nel corso del meeting di questa mattina nello studio romano di Salvini. “Ci saremo pure noi – ha concluso Tajani – diremo cosa si può fare per far ripartire il nostro Paese”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carlo Cervini 20 maggio 2020

    E’ vitale andare in piazza per manifestare il più vivo dissenso contro i provvedimenti di questo Governo fallimentare che sta portando il Paese alla bancarotta.
    “Favoloso” Savona, ex ministro della Lega, oggi presidente della Consob, che non ha trovato di meglio che togliere il blocco sacrosanto delle vendite allo scoperto in Borsa, risultato un massacro, decine di titoli importanti rinviati 2 – 3 volte al ribasso e una perdita di investimenti e risparmio privato di oltre 50/60 miliardi in poche ore. Nel frattempo raccogliamo la pochezza di 8,2 miliardi di risparmio per il BTP Italia per tenere in piedi questo Paese già in default.

  • Bruno Cirio 20 maggio 2020

    Vi sostengo ma per favore SALVATE L’ITALIA

  • Gianmarco Firenze 19 maggio 2020

    Come partecipo da Firenze? Ci sono iniziative in questa mia città purtroppo sempre rossa? Grazie

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica