Il barbiere di Mattarella: «Conte si taglia i capelli da solo? Beato lui. Noi siamo in ginocchio»

sabato 9 maggio 10:21 - di Redazione
barbiere di mattarella

«È dura stare chiusi per quasi tre mesi. Le bollette arrivano e vanno pagate subito. Ma senza entrate diventa sempre più difficile». A parlare con l’Adnkronos è Franco Alfonso, il barbiere di Mattarella, che ha il salone a Palermo. Anche il suo negozio è chiuso, come quello di migliaia di altri parrucchieri e barbieri, dopo il lockdown « Spero davvero che il Governo ci ripensi e faccia riaprire i barbieri prima del primo giugno. Non conviene più lavorare. Se continua così, potrei anche chiudere la mia bottega».

Il barbiere di Mattarella e i capelli di Conte

E ancora: «Anche il Capo dello Stato avrebbe bisogno di tagliare i capelli. Ho visto in una trasmissione che il premier Conte si taglia i capelli da solo. Che dire? Io che faccio il barbiere non ci riesco. Beato lui che lo sa fare da solo». In queste settimane mi sono attrezzato di tutto l’occorrente», spiega il barbiere di Mattarella. – spiega il barbiere di Mattarella. «Ho comprato gli attrezzi usa e getta, la sanificazione verrà eseguita a breve. Stanno arrivando le mascherine e gli altri dispositivi di protezione personale. Insomma, noi siamo pronti per aprire. Anche il prossimo 18 maggio».

«È davvero dura»

«Spero davvero che ci facciano aprire. Oltre due mesi senza incassare un solo euro è davvero dura. Certo, prima viene la salute. Però noi siamo in ginocchio .Tutta la categoria è in ginocchio. Vediamo cosa decideranno. Noi saremmo ben felici di riaprire», spiega ancora il barbiere di Mattarella. Lavora «da 57 anni», come tiene a sottolineare. «I clienti mi chiamano disperati – dice ancora Franco Alfonso – io sto già prendendo appuntamenti, senza neppure sapere la data di apertura. Appena lo sapremo richiamerò coloro che si sono prenotati e li farò venire. A turno. Noi siamo in tre a lavorare nel negozio, che è molto grande».

«Ci siamo attrezzati per garantire sicurezza»

«Ci sono quasi 5 metri di distanza tra una postazione e un’altra. I dipendenti sono tutti part time, perché noi lavoriamo solo su prenotazione, da sempre. La nostra clientela è molto selezionata. Nella sua prima uscita ufficiale, in video, diventò virale, oltre un mese fa, la conversazione del Capo dello Stato Matteralla con il suo consigliere per la stampa, Giovanni Grasso. Con il quale si lamentava per i capelli lunghi. «Eh, Giovanni. Neanche io vado dal barbiere…», disse sistemandosi i capelli bianchi. «Io lo aspetto, come tutti gli altri clienti», dice ancora Franco Alfonso. «Appena tornerà a Palermo, spero presto, gli potrò finalmente tagliare i capelli».

Il barbiere di Mattarella: «Disinfetteremo tutto»

Il barbiere di Mattarella già sa come si dovrà comportare alla riapertura. «Tra un cliente a un altri lasceremo almeno un’ora per avere il tempo di pulire, igienizzare la poltrona, sterilizzare tutto, insomma. Ho acquistato lo sterilizzatore che si usa nelle sale operatorie. Disinfetteremo ogni volta le poltrone. Davanti al cliente, così vede con i suoi occhi quello che facciamo».

«Non mi sono arrivati neppure i 600 euro del Governo»

« Non mi sono arrivati neppure i 600 euro del Governo. Intanto mi è arrivata la bolletta della luce, direttamente addebitata sul conto corrente, oltre all’Inps e la tassa sulla spazzatura, oltre 700 euro. Tutto senza un euro di entrata. Ci sono barbieri, specie quelli più giovani, che non sanno cosa mangiare. Per questo motivo abbiamo istituito a Roma un fondo per aiutare chi non ce la fa. E anche io ho contribuito».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica