Gli artisti che ci fanno divertire… Ruggeri stronca Conte dopo la frase infelice sulla cultura (video)

venerdì 15 maggio 16:41 - di Redazione

Giuseppe Conte scivola sugli artisti trattati come giullari e Enrico Ruggeri lo bacchetta. Ma nonsolo lui. Ha destato risentimento la frase detta da Giuseppe Conte durante la presentazione del decreto “rilancio”. Ha detto Conte: “La cultura, non dimentichiamo questo settore, abbiamo un occhio di attenzione per i nostri artisti che ci fanno tanto divertire e appassionare, per gli iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo che abbiano versato almeno 7 giorni di contributi nel 2019 arriverà un indennità di 600 euro anche per aprile e maggio e creiamo anche un fondo cultura con 50 milioni di euro per il 2020 finalizzato a promuovere investimenti e altri interventi per la tutela, fruizione e valorizzazione e digitalizzazione del patrimonio culturale”.

La cultura come pure intrattenimento? C’è chi non ci sta. Come Enrico Ruggeri che su Twitter scrive: “Gaber, Jannacci, Faletti. Tre signori che ci hanno ANCHE fatto divertire. E molto: ma c’era tanto di più. Una frase così volgare l’avrebbero seppellita sotto a un altro sorriso“.

So’ contenta che facciamo tanto divertire e appassionare, ma ricordati che senza sto intrattenimento placa emozioni c’era la guerra civile sotto casa” ha commentato l’attrice Carolina Crescentini.

E Sgarbi parla di “offesa profonda e irrispettosa per una categoria che più di ogni altra sta subendo gli effetti di una politica scellerata“. Persino  Matteo Orfini prende le distanze: “Sono anni che facciamo una certa fatica a spiegare che gli artisti sono prima di tutto dei lavoratori, e non gente che ‘ci fa tanto divertire'”.

Da ricordare che la sinistra imbastì un vero tormentone (peraltro giustificato) sulla frase infelice di Giulio Tremonti: “Con la cultura non si mangia”. Nel caso dell’uscita del premier Conte, invece, pare che si siano un po’ distratti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica