Ci voleva il Covid per mettere Trieste sotto il dominio afghano (video)

domenica 17 maggio 6:00 - di Roberto Menia

Mentre penso se e come poter essere a Roma il 2 giugno a gridare basta a questo governo di dilettanti allo sbaraglio che ha recluso una nazione intera, mortifero per l’Italia, le imprese, le famiglie,  mi aggiro perplesso per la mia città, Trieste.

Qui, dalla settimana scorsa, siamo un po’ meno in prigione, rispetto ad altri connazionali meno fortunati: la Regione a guida Fedriga comprende che la blindatura e il cosiddetto “distanziamento sociale” condannano a morte imprese ed economia. In realtà tutte le attività che hanno a che fare con la socialità e l’incontro degli uomini, che è poi la nostra essenza figlia dell’agorà, hanno subito e subiranno colpi drammatici: molti non riapriranno mai, altri licenzieranno la metà e più dei dipendenti, famiglie intere non avranno tra poco da mangiare. Il governo promette e tace. E non scuce un soldo per la nostra gente.

Il Covid regala Trieste al dominio afghano

Passo, a dovuta distanza, tra donne e uomini rispettosissimi delle regole, come da antica tradizione asburgica: incrocio ragazzi, loro sì un po’ piu vicini: tutti rigorosamente con le mascherine, come in un gigantesco film di fantascienza.

Poi però incontro gli assembramenti, quelli sì vietati, ma per taluni le regole non valgono. Sono afghani, pachistani, poi in misura minore, bengalesi e africani; a Trieste. Seduti a terra, agli angoli, sulle panchine, sulle aiuole o sotto gli alberi, meglio se con cellulare; oppure camminano a gruppi (le mascherine sono un optional) occupando il marciapiede, cosa loro ormai. Questi non li multerà nessuno e se anche qualcuno lo facesse sarebbe lavoro vano: possono agire come ritengono. Tempo fa un gruppetto catturò un piccione e se lo mangiò sanguinolento e spiumato nella piazza dedicata ad Oberdan. Non sapevano che qui non si può…

Chi sono, da dove arrivano? Noi ci siamo abituati ormai, ma l’abitudine non è buon segno perché è così che ogni giorno si perde libertà, identità, sovranità. E’ l’onda della “rotta balcanica”, quella che non fa notizia come gli sbarchi di 500 persone alla volta traghettati dalle ONG sulle coste dell’Italia insulare e meridionale. Ma arrivano ogni giorno e ogni notte, cinquanta, ottanta, cento. Questi giungono a piedi e la Turchia riapre ad intermittenza le porte per ricattare l’Italia e l’Europa e farsi pagare. Erdogan lo disse chiaro.

Li incontri a gruppi dalla frontiera

Qui a Trieste gli afghani li vedi con i loro tuniconi che ti ricordano quelli delle immagini coi russi a Kabul, oppure piuttosto con le tute di fattura cinese donate loro dai passeur o magari rivestiti delle ONG. Se prendi le strade dell’altipiano li incontri a gruppi che scendono dopo aver passato la frontiera con la Slovenia. Nei sentieri e nei boschi del Carso e della Val Rosandra, dove un tempo si facevano le passeggiate, trovi imbarazzanti mucchi di scarpacce e vesti cenciose abbandonate a testimonianza dell’arrivo a destinazione, documenti d’identità bruciati e  fatti a pezzi che svolazzano tra le siepi. C’è una grotta piena di questa robaccia.

Alcuni li intercettano, altri chissà. La Polizia ha allestito un tendone di prima accoglienza sul confine, quando invece sarebbe da aspettarsi che  si provvedesse a respingerli.

E mentre noi viviamo reclusi, si ingrossa la grande marcia della rotta balcanica. Migliaia di italiani intanto sono ancora bloccati in diversi paesi nel mondo e non riescono a rientrare. Il governo non li aiuta e Di Maio dichiara che “non possono rientrare tutti perché aumenterebbero il rischio pandemia”.

Vien voglia di piangere ma sarebbe piuttosto l’ora di ribellarsi.

Italiani in casa… Trieste invasa dagli afghani

Pubblicato da 7Colli su Sabato 16 maggio 2020

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • fazio 17 maggio 2020

    visto che il governo centrale se ne frega portateli a Roma e scaricateli davanti ai centri di potere parlamento, viminale, ministero degli esteri ecc.

  • Sergio 17 maggio 2020

    La domanda da porsi è cosa ci fanno in Italie e in Occidente queste persone che non condividono nulla con la nostra cultura, religione e leggi. Vengono da Paesi lontani e evrebbero potuto travare accoglianza in Nazioni molto più vicini a loro anche dal punto di vista culturale e religioso. Vengono in occidente e invece d’integrarsi pretendono da noi il cambiamento verso la loro cultura ma siamo proprio diventati scemi?.

  • Silvia Toresi 17 maggio 2020

    Sempre due pesi e due misure!!!!! A qualcuno conviene!!!!!!

  • Pasquale Masellis 17 maggio 2020

    ” Faremo le barricate!”

    On. Meloni l’ha detto tante volte, ma alle parole non sono seguiti i fatti.

    La Bellanova se n’è fatto un baffo anzi un pianto finto delle sue barricate.

    La dittatura comunista è in atto. Non mi dica che non ci sono i comunisti in Italia, ci

    sono ed adottano metodi staliniani.

    Sono deluso:

    Cordiali saluti

    Pasquale Masellis

  • biagio 17 maggio 2020

    Per Conte & compagni é tu ok.
    Solamente spot televisivi da parte di: Di Maio, Gualtieri, Lamorgese, Speranza, Bellanova, Azzolina, Boccia, Patualelli, Spatafora, Buonafede e per finire Arcuri.
    Una compagine così non si era mai vista. Cosa li accomuna: l’incapacità, l’ignoranza, il protagonismo, l’esibizionismo e la solidarietà reciproca, si coprono senza indugi. Arroccati sulle proprie poltrone e se il Paese va alla malora poca importa.
    Solamente con i forconi possiamo cacciarli.

  • Dejan14 17 maggio 2020

    L’ora di ribellarsi è già passata. Ricordiamo Gesù nel tempio con la frusta

  • DAVIDE COGLIATI 17 maggio 2020

    TUTTA OPERA DEL MINISTRO DELLA DIFESA E DEGLI INTERNI , DUE EMERITI INCAPACI E SCALDA SEDIA, NON PROTEGGONO UN BEATO CAZZO MENTRE DOVREBBERO CHIUDERE I CONFINI A QUESTA INTRUSIONE CHE CI PORTERA’ AD UNA ITALIA ISLAMICA DENTRO AD UNA ITALIA CIVILE OCCIDENTALE. BASTA GUARDARSI INTORNO. DUE EMERITI INCAPACI, PER NON DIRE IDIOTI.

  • fabio dominicini 17 maggio 2020

    Ma l’Italia ha degli accordi bilaterali con Bangladesh,Afghanistan,Iran,Irak,Pakistan ?
    In tal caso e l’ho già ripetuto varie volte , un volo mensile e riportali a casa !
    Dopo qualche tempo si spargerebbe la voce e si renderebbero conto che è inutile partire !!

  • Giancarlo 17 maggio 2020

    Ormai l unica cosa sensata da fare è ribellarsi

  • Angela 17 maggio 2020

    A Noi, chiedono di rispettare rigidamente le regole,Conte e compagnia,mentre gli stranieri fanno ciò che vogliono in casa nostra…Che razzismo al contrario!

  • 17 maggio 2020

    Prima Repubblica e sinistra hanno partorito questa Italia! E il popolo, che si vende per 30 denari, da loro ancora poltrone per continuare lo scempio! Fin quando non ci sarà coscienza potremo solo essere conquistati!

  • Massimo Vaccari 17 maggio 2020

    Ormai siamo uno stato allo sbando. Governati da ipocriti incapaci e non votati. Confermo la costante voglia di piangere ma più forte che mai la voglia di ribellarci per far riisorgere questa meravigliosa NAZIONE che è L’ITALIA.

  • Mario Salvatore Manca 17 maggio 2020

    Prima gli Asburgo, poi i titini, adesso gli afghani. Complice il covid-19. Dio volesse che il 2 giugno – data non precisamente foriera di ricordi pacifici (ricordiamo che Umberto II partì dall’Italia per evitare una guerra civile, dato che il referendum dava esiti non ben chiari) – qualcuno con la memoria lunga auspicasse il ritorno della Monarchia. Sarebbe forse la volta che non soltanto il governo Conte ma tutto l’apparato repubblicano senta di avere finalmente le ore contate.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica