Catastrofe Zingaretti. In due mosse ko aziende e dipendenti

giovedì 7 maggio 6:00 - di Francesco Storace
Catastrofe Zingaretti

Catastrofe Zingaretti, da governatore del Lazio vuol fare il primo della classe perché è quello che vuol contare di più al governo. Ma solo propaganda e niente quattrini, aziende e dipendenti restano alla canna del gas e lui si bea con lettere che fanno imbestialire e dichiarazioni ancora peggio.

Storie di imprenditori che cominciano a piovere da ogni parte d’Italia in redazione. A partire dalla regione della Capitale, dove non c’è solo l’incredibile scandalo delle mascherine; dove non ci sono come in Lombardia i reparti Covid nelle Rsa ma lì indagano e qui no; ma c’è anche una pessima gestione dell’economia.

Zingaretti, una catastrofe i suoi provvedimenti

Hanno illuso una montagna di gente che adesso si incazza veramente. Hai un ristorante a Trevignano in provincia di Roma, come racconta Ferdinando Parisella. E siccome sei una persona seria ti preoccupi di che fine fanno i tuoi dipendenti. Senti alla televisione che c’è la cassa integrazione, presenti la domanda.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Franco.Prestifilippo 7 maggio 2020

    Solo lui poteva accettare di fare il Segretario, i marpioncelli erano rimasti tutti ….alla ” Larga ” prevedendo la disfatta !

  • Arma70 7 maggio 2020

    aNDREBBE FATTA UNA PULIZIA GENERALE GOVERNO CRIMINALE!!!!!!!

  • Sergio 7 maggio 2020

    Adesso rivotatelo.

  • Giuseppe Forconi 7 maggio 2020

    C’e’ poco da commentare, zingaretti andrebbe fucilato.

    • Francesco Storace 7 maggio 2020

      Addirittura

  • Sandro Cecconi 7 maggio 2020

    Storace,

    quindi secondo la sua narrazione la colpa sarebbe degli Istituti di Credito e non di una classe dirigente politica inetta, incapace, pinocchiesca, inadatta a ricoprire il ruolo che ha attualmente?

    Lei cerchi solo di immaginare se una banca fosse così stupida da prestare soldi dei risparmiatori depositanti che distribuisse a pioggia questi risparmi cosa accadrebbe, Guasti che distruggerebbero la nostra nazione a tal punto che l’Italia diverrebbe preda dei peggiori squali famelici del mondo.

    In sintesi: la fine della nostra civiltà.

    E’ questo ciò che lei desidera?

    Conosce cosa significa un sistema bancario? Ci ha mai provato a lavorare anche solo per qualche mese per iniziare una vera pur se sommaria conoscenza? O si è limitato a leggere le varie bufale raccontate da giornalisti, io li chiamo allievi apprendisti giornalari, di cui l’Italia è stracolma?

    Meglio che mi taccia!

    • Francesco Storace 7 maggio 2020

      Un bel tacer non fu mai scritto, in effetti

  • Alessandro Cherubini 7 maggio 2020

    Caro Direttore, purtroppo questo è quello che si respira tutti i giorni per le strade tra la gente reale, nella vita reale. E non nel mondo delle favole in cui vivono Zingaretti e tutti i professori di sinistra che impartiscono lezioni e dispensano aiuti falsi ed inesistenti. Mi auguro vivamente che la chiosa del suo articolo diventi realtà e che siate Voi a pilotare questa realtà

  • Cervohold 7 maggio 2020

    Con questa gentaglia le difficoltà si aggravano di giorno in giorno, i sinistri sanno fare solo assistenza/accoglienza/sperpero a debito e imporre nuove tasse e gabelle sul risparmio privato e su chi lavora e produce. Se vogliamo salvare l’Italia dobbiamo agire senza indugi e mandarli subito a casa.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica