Trovato l’accordo sulle nomine: Pd e M5S fanno man bassa nelle grandi partecipate del Tesoro

20 Apr 2020 19:52 - di Carmine Crocco

Trovato l’accordo sul dossier nomine delle grandi partecipate del Tesoro. Pd e M5S fanno man bassa  ai vertici di grandi  aziende come  Enel, Eni, Leonardo, Poste Italiane, Terna, Mps, Enav. Messo bellamente da aprte il dissenso di Alessandro Di Battista, contrario alla conferma delmandato all’ad Claudio Descalzi all’Eni.

Ecco le probabili nomine, secondo quanto riferisce la Repubblica.Per Enel si profila la conferma di Francesco Starace come ad per un terzo mandato (il manager fu nominato dal governo Pd Renzi nel 2014), con alla presidenza l’arrivo dell’avvocato milanese di Rccd Michele Crisostomo (di nomina M5s). Per l’Eni, dunque, ad ancora Claudio Descalzi (prima nomina governo Pd Renzi, 2014) e alla presidenza la docente di diritto commerciale ex consigliere di Tim e nel cda del Fatto Quotidiano Lucia Calvosa (scelta dai M5s). Nel colosso della difesa Leonardo, mandato bis come ad per Alessandro Profumo (prima nomina governo Pd Gentiloni nel 2017) e nuovo presidente il direttore dell’Aise Luciano Carta (nomina in capo a M5s). Totale continuità alle Poste Italiane, dove Matteo Del Fante resta capoazienda (prima nomina governo Pd di Gentiloni nel 2017: ma tre anni prima il governo Renzi lo aveva messo a capo di Terna), e Maria Bianca Farina confermata presidente (prima nomina governo Pd Gentiloni 2017). Per la rete di Terna, anche se il passaggio va ratificato dalla Cassa depositi e prestiti azionista nei prossimi giorni, nuovo ad sarà il capo dell’Acea romana Stefano Donnarumma (di nomina M5s), nuova presidente Valentina Bosetti, docente della Bocconi scelta dal centrosinistra.Per il Monte dei Paschi nazionalizzato arriva, voluto caparbiamente dai pentastellati, l’ex banchiere di Capitalia e poi di Carige Guido Bastianini, affiancato alla presidenza da Patrizia Grieco, che lascerà l’Enel dove l’aveva nominata il Pd. Per la società controllore dei voli civili Enav tutto nuovo: ad sarà Paolo Simioni, uscente capoazienda dell’Atac, di nomina M5s, mentre presidente sarà Francesca Isgrò, di nomina Pd.

Buon appetito a Pd e M5S

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • biagio 22 Aprile 2020

    Pace fatta, tutti in poltrona?
    Se manca qualche sedia inventeranno qualche nuova Autorità, state tranquilli nessuno sarà lasciato senza piatto …….

  • Nicolo' 21 Aprile 2020

    Non c’e’ sorpresa alcuna.
    Lo si sapeva che avveniva, bastava guardare il Clendario.
    Cosa che Salvini non ha fatto, dimostrando tutta la sua inadeguatezza come leader del Centrodestra. Troppo impreparato, troppo guascone, troppo limitato nelle sue conoscenze.
    Ci serve ben altro profilo, che va determinato con le Primarie del Centrodestra !!!

  • SUGERITI DA TABOOLA