Salvini: «Vergogna, con la scusa del virus il governo sta scarcerando i mafiosi». Ecco chi sono (video)

22 Apr 2020 10:36 - di Redazione
mafiosi

I capimafia detenuti al 41bis cominciano in questi giorni di emergenza Coronavirus, uno dopo l’altro, a lasciare il carcere. Sono stati riconosciuti colpevoli di associazione mafiosa. Alcuni di loro sono ritenuti autori di omicidi, estorsioni, violenze. Considerati esponenti di spicco di Cosa nostra. Per loro i giudici avevano stabilito il regime del 41 bis. Fino a un decreto e una circolare emanati per fare fronte all’emergenza Coronavirus nelle carceri. Assurdo.

Tra gli effetti collaterali del Covid-19 c’è anche questo scempio. Il giudice di sorveglianza ha concesso gli arresti domiciliari, sostenendo i motivi di salute, al capomafia di Palermo Francesco Bonura, 78 anni. E’ considerato uno dei boss più influenti e pericolosi. E’ stato condannato definitivamente per associazione mafiosa a 23 anni. Tra i boss che potrebbero ottenere lo stesso beneficio, c’è anche Leoluca Bagarella: l’uomo responsabile di alcune pagine buie della storia italiana. Come l’omicidio di Boris Giuliano, la strage di Capaci e l’omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo.

Chi sono i mafiosi che saranno scarcerati

La notizia, anticipata da alcune testate giornalistiche, è stata confermata. Poi  rilanciata dal leader della Lega Matteo Salvini con un video su Facebook. “Ne stanno combinando di tutti i colori nel nome del virus”, dice. “Ma questa è una vergogna nazionale. Rischiano di tornare a casa personcine come Nitto Santapaola, Pippo Calò, Leoluca Bagarella”.

“La circolare del governo è una vergogna nazionale”

Per Salvini “Non si possono cancellare decenni di lotta alla mafia nel nome del virus. Con un decreto del governo, che è una vergogna nazionale. Li fermeremo fuori e dentro il Parlamento. Io non ci sto. Spero che chi è al Quirinale intervenga, la lotta alla mafia Mattarella la conosce sulla sua pelle”. “Ti fermano pure se sei un pony express, mentre gli unici che possono uscire sono i mafiosi condannati al 41 bis”. Commenta a ‘Fuori dal coro’, su Rete 4. “I mafiosi – chiede – lasciamoli a marcire in galera”.

Potrebbero seguire le sue orme anche i boss Leoluca Bagarella (che sta spingendo da tempo per avere gli arresti in casa) i Bellocco di Rosarno, Pippo Calò, Benedetto Capizzi, Antonino Cinà, Pasquale Condello, Raffaele Cutolo, Carmine Fasciani, Vincenzo Galatolo, Teresa Gallico, Raffaele Ganci, Tommaso Inzerillo, Salvatore Lo Piccolo, Piddu Madonia, Giuseppe Piromalli, Nino Rotolo, Benedetto Santapaola e Benedetto Spera.“

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Nicolo' 22 Aprile 2020

    Salvini deve riprendere a parlare di argomenti che interessano gli Italiani.
    Qui c’e’ un sacco di gente che rischia il lavoro, di gente che l’ha gia’ perso, di aziende che non riescono piu’ a lavorare per i blocchi assurdi del governo e che rischiano di non riaprire piu’.
    Salvini devi parlare di ECONOMIA ! Tirare fuori una ricetta per ripartire.
    Giorgia Meloni ha proposto lo Schock Fiscal per ridare competitivita’ al Paese. E speriamo non se ne sia dimenticata. Infatti sei i prestiti non arrivano, se non ci sono i CORONABOND, si puo’ iniziare ad agire dal lato opposto e ben piu’ proficuo della MEDAGLIA: Rimettere a Lavorare gli Italiani.
    Lavorassimo tutti e alle nostre capacita’ saremmo capaci di ripagarci i debiti senza ricorrere a prestiti e diventeremmo presto una Grande Forza Economica mondiale. Le persone valide le abbiamo, i capitali anche, Bisogna che la Politica riesca a mettere in campo le forze che gia’ ci sono!
    Allora parlate di cio’ che serve alla GENTE, al PAESE, alla NOSTRA PROSPETTIVA, visto che NON VOGLIAMO essere SUDDITI di un governo di INCAPACI, ne’ SERVI dei nostri TAGLIEGGIATORI.
    Meloni e Salvini tirate furi un programma alternativo in campo Economico !

  • federico 22 Aprile 2020

    A scarcerare i mafiosi sono i magistrati, prima che il governo

  • SUGERITI DA TABOOLA