“Riparti Calabria”. la Regione batte tutti sul tempo: 150 milioni subito per dare fiato alle imprese

2 Apr 2020 13:02 - di Redazione

La Calabria è una delle prime regioni italiane a varare il piano della rinascita. Si parla di una cifra di 150 milioni per ripartire. “Dobbiamo mettere le nostre imprese nelle condizioni di reinvestire sul loro futuro. E su quello della Calabria. Riparti Calabria è una misura con cui la Regione investe 150 milioni di euro sulla ripresa”.

La Calabria investe 150 milioni per le imprese

” ‘Riparti Calabria’ è un intervento straordinario. Una  spinta positiva per i diversi comparti produttivi.  Preoccupati per il loro futuro. Un intervento che si unisce agli sforzi che questa amministrazione sta già facendo”. Così il governatore Jole Santelli. “Una misura che rappresenta un’opportunità per i tanti calabresi che sono in affanno”. Con queste parole la presidente della Regione Calabria annuncia le misure economiche approvate.

Il fondo sarà gestito da Fincalabra in collaborazione con Unioncamere. E prevede la concessione di finanziamenti rimborsabili. A tasso zero. Attraverso la presentazione di una domanda in modalità semplificata. E con il calcolo del sostegno sulla base del reddito operativo. E del fatturato degli ultimi due esercizi. Una parte del fondo servirà a dare ulteriore sostegno alle piccole partite Iva. Con una sovvenzione una tantum a ristoro delle perdite subite. Inoltre è previsto l’accesso alla liquidità anche da parte dei professionisti. Con l’adeguamento del fondo Frois per il microcredito. Dotato di 20 milioni di euro.

Orsomarso: è una misura che varrà per 5 anni

L’assessore regionale allo Sviluppo economico Fausto Orsomarso ha ringraziato i dirigenti del Dipartimento. E i funzionari di Fincalabra. “Che hanno supportato il nostro indirizzo politico. Per garantire fin da subito la possibilità di fare ripartire il tessuto economico e produttivo. E sostenere la continuità delle attività imprenditoriale. Ma vogliamo anche scongiurare il rischio che gli imprenditori possano finire nella morsa dell’usura. Per poi vedere la ‘ndrangheta impossessarsi della propria attività. E dei sacrifici di una vita”.

“Questo fondo – aggiunge Orsomarso – è nato per affrontare l’emergenza. Ma ci accompagnerà per i prossimi cinque anni. E potrà essere alimentato con ulteriori risorse.  Ora auspichiamo che anche il governo nazionale avvii interventi finanziari. Consistenti ed efficaci a sostegno del mondo produttivo”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Simona Fiorenza 15 Aprile 2020

    Buonasera sono una p.iva cosa devo fare per accedere al fondo riparti italia?e sopratutto i conti correnti in sofferenza rientrano per la richiesta del fondo? grazie mille

  • Corado Moraldi 2 Aprile 2020

    bene !! ma basteranno ????

  • SUGERITI DA TABOOLA