Quelle bandiere Ue non possono stare assieme a quella tricolore

mercoledì 1 aprile 6:00 - di Francesco Storace

È davvero il minimo togliere di mezzo quelle bandiere della Ue. Commemorare le vittime del coronavirus affiancando il tricolore che lacrima con il vessillo che mai più che ora rappresenta gli usurai di Bruxelles era un preciso dovere istituzionale.

E bene hanno fatto i tanti sindaci che ieri lo hanno tolto di mezzo, lasciando a garrire solo lo stendardo nazionale per rendere onore a troppi connazionali stroncati dalla malattia che viene dalla Cina.

L’esempio di Rampelli, il sostegno della Meloni

L’esempio del vicepresidente della Camera, Fabio Rampelli, si è diffuso in tante amministrazioni locali, a partire da quelle a guida Fratelli d’Italia. E lo hanno fatto anche esponenti regionali nei loro uffici, è il caso dell’assessore Gianni Berrino in Liguria.

Dice Giorgia Meloni dalla propria pagina facebook, dove ha rilanciato il video di Rampelli: “Un forte messaggio a quest’Europa che abbandona l’Italia nel momento di maggiore bisogno. E la fotografia di un sentimento diffuso in Italia, di gente che chiede all’Europa di esistere ora, perché l’alternativa sarà dissolversi, sotto il peso di una Germania che non vuole rinunciare ai privilegi con i quali ha piegato le altre nazioni in questi anni”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • mariangela birindelli 4 aprile 2020

    Anche in FRANCIA ..SINDACI CHE BUTTANO DAI TERRAZZI LA BANDIERA EUROPEANSOTTO IL SOTTOFONDO DELLA MARSIGLIESE ..SE ABBIAMO ANCORANUN PO’ DI DIGNITA’ E CON QUESTA ANCORA VALORI UMANI SOCIALI ..BRUCIARE LA BANDIERA DELLANUE E’ DOVEROSON..XCHE’ QUELLANBANDIERA RAPPRESENTA LA MASSONERIA I POTERI FORTI PRONTI A FAR MORIRE MILIONI DI PERSONE .NON ESISTE NESSUN VALORE UMANO NELLA UE .QUELLA E’ LA BANDIERA DEGLI SCIACALLI ..NON PUO’ RAPPRESENTARE NESSUNA UNIONE UMANA DI PAESI POPOLI.MA SOLO ANIMALI QUALI DI QUESTA SE NE FANNO PORTATORI.LA UE E’ NATA X DISTRUGGERE SCHIAVIZZARE O POPOLI E DERUBARLI DELLE LORO RISORSE ..LA UE VA CANCELLATA..

  • Menono Incariola 1 aprile 2020

    “Gia’ quelle bandiere…” Mi sembra un refuso, probabilmente sarebbe dovuto essere “Giu’ quelle bandiere”.BISOGNA SUBITO ORGANIZZARE UNA SPALLATA AI FANTOCCI GOVERNATIVI, MATTARELLA IN TESTA, ALTRIMENTI IL MES ARRIVA COMUNQUE. FATE QUALCOSA PER NON FARCI TROVARE IMPREPARATI, OLTRE CHE AFFAMATI. Gia’ finalmente qualcuno inizia a chiamare, come io gia’ feci all’inizio del secondo mandato, Conte “er Tsipras de noantri”. NON PERMETTIAMO A LUI ED AI CAGNOLINI GENTILI E COJIONI DI STRAPPARCI L’ITALIA DA SOTTO I PIEDI!

  • Claudio Brandani 1 aprile 2020

    Ma quand’é che ce ne andiamo?

  • Mario Salvatore Manca 1 aprile 2020

    Una volta ero un europeista moderatamente convinto. Oggi mi sento incline a votare per l’Italexit (se solo si potesse). Non sono un economista, e al punto in cui siamo, i problemi economici sono gli ultimi che mi possono interessare. So che come italiano l’essere preso per i fondelli dagli altri stati europei che ci guardano con la puzza sotto il naso a questo punto non ci sto proprio più.

  • Maurizio Giannotti 1 aprile 2020

    D’accordo su tutto. La cosiddetta Unione Europea è l’ingrandimento da parte della Germania del Reich; ottenuto non con le armate, come voleva fare in passato, ma con i mezzi della finanza e l’asservimento ai suoi fini di politici stranieri. E sappiamo chi sono quelli che , nonostante siano Italiani, sono diventati tirapiedi del Reich. Giusto quindi togliere la bandiera UE e dire che conosciamo solo quella Italiana!!!!

  • Sandro Cecconi 1 aprile 2020

    Nel 2018 mia moglie ed io abbiamo varcato dopo dieci anni esatti la soglia del nostro seggio elettorale e abbiamo scelto di votare per FdI, prima votavamo convintamente per AN. Altrettanto convintamente abbiamo scelto FdI dopo aver soppesato le proposte in quanto sapevamo che poi sarebbero finalmente sbocciate e i sacrifici avrebbero portato a risultati eccellenti che man mano si stanno dispiegando nell’intero territorio nazionale e non finisce di certo qui se sin da ora il partito si doterà di figure professionali di grande qualità in alcuni campi che ritengo di importanza capitale.
    Mi occupo dal 1976 di borsa e di conseguenza di economia. FdI è dotato di uno tra i meggiori esperti fiscalisti, Maurizio Leo, ma è mancante di un validissimo economista. Il mio suggerimento l’ho già dato del tutto in modo disinteressato sotto ogni aspetto e sarebbe doveroso che i dirigenti del partito lo cooptassero all’interno.
    Un motivo importantissimo della nostra decisione di tornare al voto è sstata e continua ad essere il diverso approccio di Giorgia Meloni verso l’Europa a livello di scelta politica strategica.
    Infatti il nostro paese è spaccato tra “gli europeisti a prescindere” e “gli antieuropeisti a prescindere” come dire curva sud e curva nord di un qualsiasi stadio di calcio in cui è suddiviso tale sport , cosa che trovo assurda e anche tupida.
    Giorgia Meloni, al contrario, affronta l’argomento in modo laico e razionale proprio come dovrebbe essere affrontato. Infatti sappiamo bene tutti che proprio per i processi che sono intervenuti negli ultimi 25 anni circa non possiamo prescindere dal contrapporre una confederazione, almeno come primo passaggio per poi eventualmente passare a una federazione di stati così come avvenuto negli USA nel momento opportuno da costruire insieme e non come avvenuto sino da ora per gravissime colpe di una classe politica dirigente inetta, incapace, senza una visione presente e di proiezione futura, senza un’anima, senza un briciolo di cultura e sempre pronta alle genuflessioni nei confronti di personaggi men che mediocri. Il tutto è servito a far perdere la dignità all’Italia e al suo popolo.
    Stiamo attraversando un momento storico di transizione di importanza capitale per noi e occorre affrontare l’argomento di che trattasi senza la minima sbavatura.
    Porto l’esempio dell’editoriale di Mario Draghi comparso nei giorni scorsi sul Financial Times che sta a dimostrare l’insensatezza delle varie posizioni.
    Quel documento, come ho già sottolineato più volte, non doveva essere preso come una decisione di voler entrare nell’agone politico italiano, come i soliti noti hanno creduto di rilevare. Era ed è un manifesto per salvare in questo momento difficilissimo l’€ e l’Europa, proprio come fatto nel 2012 mettendosi di traverso ai noti minus habens dell’intero continente.. Insomma un monito di importanza capitale rivolto a tutti dando le ricette economiche appropriate al momento.
    Ora mi aspetterei da Giorgia Meloni e FdI che proponessero nelle sedi istituzionali italiane ed europee la proposta di proporre Draghi come Ministro dell’Economia dell’Europa potendosi avvalere finalmente di una BCE trasformata in una vera Banca Centrale così come è la FED.
    Sono certo che una simile proposta spariglierebbe la carte a livello politico interno e continentale facen do in modo di onorare l’investitura riceviuta da Giorgia Meloni sia dal Times e sia dagli altri. E ora pensate un po’ cosa comporterebbe quanto sopra per il nostro partito.
    Cordiali saluti.

  • Paolo Ferlini 1 aprile 2020

    E dovranno pagarla molto cara.
    E’ la terza volta in un secolo che la Germania attacca il resto d’Europa. Chi continua a sostenere, o peggio, a mendicare un aiutino europeo, dovrebbe ricordarselo, leggere i libri di storia e trarne le conseguenze.
    Facciamo in modo che non riescano con l’economia a fare ciò che non sono riusciti a fare con le armi. Sino a quando non si avrà una riforma con l’europa delle Nazioni unita e solidale niente più bandiere europee.
    Spero che questo esempio venga seguito da tutti i paesi appartenenti all’unione che si oppongono all’ipocrisia tedesco/olandese.

  • claudio dal canto 1 aprile 2020

    cercavo L’europa sapete dove è?

  • Danila 1 aprile 2020

    Daccordissimo con Giorgia Meloni è una vergogna che quella bandiera sventoli accanto al tricolore, dovrebbe sparire da tutti gli edifici pubblici fino a quando questo schifo di europa si deciderà ad essere veramente unita, altimenti non c’è più ragione che esista.

  • Sandy 1 aprile 2020

    La bandiera di quei …………. non si sarebbe mai dovuta esporrre a fianco del tricolore. Vai a votare e vedi quello di sterco di bandiera a fianco della mia bandiera e ti viene il vomito. Questo è il paese di pulcinella, senza offesa per pulcinella, dove il massimo della aberrazione politica è giunta a govermare grazie a un omuncolo che sta seduto al colle, il peggior presidente dopo Napolitano.

  • Agostino Rossi 1 aprile 2020

    Non solo togliere la bandiera dell`europa ma uscirne come hanno fatto gli inglesi e sara`sempre troppo tardi

  • Fabio Massimo Purgatorio 1 aprile 2020

    Grande Giorgia sempre con te!!!

  • Fabio Massimo Purgatorio 1 aprile 2020

    Avanti così grande Giorgia sempre con te!!!

  • Odoardo 1 aprile 2020

    Sono in Francia dalla metà di febbraio perché mia figlia e i miei nipoti abitano qui e ho deciso di rimanere anche nella malaugurata ipotesi che qualcuno di noi si ammalasse. Anche qui in Alsazia la situazione è pesante. Sono rimasto le.tteralmente sconcertato e avvilito per
    La cattiveria dimostrata dai nostri vicini. Togliere la bandiera (non so più come chiamarla) mi pare un atto di protesta doveroso.

  • Enrica C. 1 aprile 2020

    W l’Italia

  • lamberto lari 1 aprile 2020

    Eh si dovranno pagarla! Con una grande dose di rispetto, di umiltà, ma anche di solidarietà! Questo sarà il prezzo che l’Europa dovrà e dico dovrà pagare, in particolare alcuni paesi che non solo hanno tradito, sin dalla nascita dell’Europa questi valori, ma continuano in modo bieco ed ostinato a tradirli animati solo da sentimenti palesemente razzisti nei confronti del nostro paese. Tutto il mondo sta aiutando il popolo e il paese italiano, dalla Cina, alla Russia, a Cuba….! Ma l’Europa no! Con quella velenosa ostinazione…..tipica oramai delle guerre moderne, sostituzioni etniche, tenaglie commerciali, ricatti continui in atti comunitari, complotti finanziari….nessuna pietà, un’accozzaglia di canaglie che fiancheggiano senza vergogna ne dignità il COVID 19 all’invasione del nostro paese! Rimpiangerete un Italia remissiva, accondiscendente, prona ai vostri desiderata e come la rimpiangerete……..dovrete meritare la presenza del nostro paese al tavolo dei paesi membri. Vi renderete conto che l’Italia e il suo popolo siederanno solo al tavolo dove regnano sovrani valori e ideali e mai dove regna solo cospirazione. Chi non ci ama non ci merita!

  • Bruno Cirio 1 aprile 2020

    Anche Hitler volle resistere fino all’ultimo illudendosi di poter vincere ma poi …..

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica