Per la Boldrini la vera emergenza coronavirus è l’autocertificazione “maschilista”

2 Apr 2020 10:48 - di Lucio Meo

L’emergenza sul coronavirus? Per la Boldrini è una questione di forma. Sul modulo dell’autocertificazione non è chiarita bene la distinzione tra maschi e femmine. Come ai bei tempi (si fa per dire…) della polemica su “presidente” o “presidentessa”, Laura Boldrini si segnala per un’altra, ridicola, segnalazione che offenderebbe le donne.

La Boldrini e l’autocertificazione “maschilista”

La deputata Pd, ieri, al programma di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora, ha espresso la sua teoria sull’autocertificazione maschilista. Non declinata solo al maschile come quella attualmente vigente. ù

“Ancora non scatta questo automatismo, c’è il genere maschile e quello femminile, ma io sono ottimista: ci si arriverà. Non costa nulla inserire una cosa come ‘o/a’, così da non far sentire nessuno escluso. Ma si fa ancora molta fatica a recepire questo semplice concetto”.

La proposta di spostare il Parlamento all’Eur

Ma di idee curiose, la Boldrini, in piena emergenza coronavirus, ne aveva avute anche altre. Come quella di spostare il Parlamento all’Eur. “Hanno detto che sarebbe troppo complicato, ma lo è ogni situazione. È complicato anche il voto a distanza e quello a ranghi ridotti. Non c’è una soluzione che non presenti dei problemi”.

Ovviamente, il suo giudizio sul governo è più che positivo. Tranne che per il modello dell’autocertificazione “mschilista”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Roberto Briganti 3 Aprile 2020

    La Signora Boldrini non finirà mai di stupirci con il suo pirotecnico acume. Che dire poi della tempestività con cui si va ad occupare di cose Urgentissime, Fondamentali e Improcrastinabili…
    Noi italiani possiamo andare orgogliosi di avere avuto siffatte personalità…Viva l’ Italia!

  • Franco Prestifilippo 3 Aprile 2020

    Profondissima considerazione !!!!! Bisogna fare subito un…..Decreto!!! Si è svegliata dal….. letargo!

  • Carlo 3 Aprile 2020

    Quando uno ha il cervello di gallina non ci vuole niente a fumarselo.

  • Cristiani Riccardo 3 Aprile 2020

    La libertà di pensiero è più che lecita in demiocrazia, ma davvero meritano spazio mediaticio le deliranti affermazioini di una parlamentare, pur se democraticamente eletta, che escono senza riposo dalla sua insipienza?

  • Maurizio Giannotti 3 Aprile 2020

    Ormai lo sappiamo: il livello intellettivo della suddetta è infimo.Credo che tutti in Italia se ne siano accorti, ad eccezione di una sola persona:lei!!!!

  • Giuseppe Forconi 3 Aprile 2020

    Piu’ la tagli, piu’ la copri di diserbante e piu’ ti riciccia.
    Cosa bisogna fare per estirparla definitivamente ?
    Forse vincere le elezioni per fare piazza pulita ?
    Allora avanti tutta…!!!

  • Stefano 2 Aprile 2020

    Faticando a comprendere il quadro generale, gli imbecilli si fissano sui dettagli.

  • Alessio 2 Aprile 2020

    Le parole della Deputata Boldrini sono semplicemente la risposta ad una domanda dei conduttori del programma un Giorno da Pecora.

    Se ascolti il podcast (dal minuto 40:30) lo scambio di battute avviene così:
    http://www.raiplayradio.it/audio/2020/03/UN-GIORNO-DA-PECORA-39baf9c3-2b70-4d85-adf7-56fba97ea36d.html

    Conduttori: “In questi giorni è stata proposta una autocertificazione inclusiva che non sia declinata solo al maschile come quella attualmente vigente. Lei cosa ne pensa?”

    Risposta Boldrini: “Ma non m’ero accorta perché non l’ho utilizzata in quanto sono solo andata alla Camera e non l’ho utilizzata”.

    E poi prosegue: “Ancora non scatta questo automatismo, c’è il genere maschile e quello femminile, ma io sono ottimista: ci si arriverà. Non costa nulla inserire una cosa come o/a, così da non far sentire nessuno escluso. Ma si fa ancora molta fatica a recepire questo semplice concetto”.

    Quindi è difficile scrivere che ha risposto ad una domanda dei conduttori?

    E poi altra riflessione: la destra parlava di parlamento chiuso e sbarrato e la proposta di Boldrini è stata quella di trovare un’altra aula in modo da rendere possibile la partecipazione ai lavori da parte di più parlamentari contemporaneamente…
    visto che le aule di Palazzo Madama e Montecitorio non lo consentono… insomma niente di così esagerato ecco.

    • Francesco Storace 2 Aprile 2020

      Il chiodo fisso della Boldrini sempre quello è

  • Sergio Martiri 2 Aprile 2020

    TSO immediato.

  • quntommai 2 Aprile 2020

    come mai il suo cervello si lamenta, postumi da PD.

  • SUGERITI DA TABOOLA